Doppio cognome, diritto anche della madre ma la legge tarda ad arrivare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Deva Sordella Avalle è un cucciolo di donna che tra poco compirà un anno. Ancora non è in grado di capire la prima battaglia che la mamma, insieme al papà, ha vinto per lei: il diritto di poterle attribuire anche il suo cognome. Il contrassegno “Sordella Avalle” è un segno indelebile che Deva porterà sempre con sè, scolpito nel nome, nel codice fiscale, ma soprattutto nella sua identità che terrà sempre traccia di ambo le sue radici di nascita. Il papà, Davide Sordella, sindaco di Fossano, cittadina piemontese tra le prime ad attuare il diritto al doppio cognome, ha infatti sostenuto la battaglia della moglie, la giornalista Laura Avalle, direttore di importanti mensili nazionali quali “Vero salute”, “Vero cucina” e “Rakam” e, fin dalla nascita, sua figlia Deva porta ambo i cognomi. Anche un capitolo dell’ultimo libro della giornalista, “Vita io ti aspetto” (Giuliano Ladolfi editore), è dedicata a questo tema, visto che, nonostante una pronuncia della Corte Costituzionale del novembre 2016, la legge è ancora arenata in Parlamento. “A differenza di altri Paese europei – spiega Laura Avalle nel libro – in Italia abbiamo ancora il retaggio di una concezione patriarcale della famiglia difficile da estirpare”. “Quando mia moglie mi ha chiesto di dare a nostra figlia il cognome di entrambi – ha aggiunto il sindaco Sordella – mi è sembrata la cosa più giusta da fare. Mi sono recato all’anagrafe in ospedale e mi è stato risposto che, nonostante la sentenza della Corte Costituzionale, non era possibile farlo. Mi sono dunque consultato con il segretario comunale Nardi che ha rintracciato le circolari che ne prevedevano l’attuazione. È stato necessario fare una modifica informatica, predisporre la modulistica, ma è stato tutto sommato facile da attuare. Il fatto che in molti posti si dica che non è possibile fa pensare che in realtà non si voglia dare il doppio cognome”.

Il tema è stato anche al centro di un recentissimo convegno tenutosi a Fossano alla presenza non solo del primo cittadino Davide Sordella e della consorte, ma anche di Vladimiro Zagrebelsky (già giudice della Corte europea dei Diritti umani, ora direttore del laboratorio sui Diritti fondamentali di Torino), Alice Margaria (ricercatrice di diritto di famiglia e diritti umani presso l’Istituto Max Planck di Halle in Germania), Marina Mana e Cristina Ballario, rispettivamente presidente della commissione Pari opportunità e assessore alle Pari opportunità del Comune di Fossano. Nel corso del dibattito, si è fatto il punto sulla situazione normativa italiana oggi che presenta ancora tanti punti controversi da chiarire e che determinano di fatto lo stallo nella legiferazione parlamentare. La pronuncia della Consulta ha infatti stabilito che il solo cognome paterno non è più valore coerente con il principio di uguaglianza tra uomo e donna e, dal giorno successivo alla pubblicazione (28 dicembre 2016), i genitori che lo desiderano possono chiedere di comune accordo l’apposizione del doppio cognome all’ufficiale di stato civile al momento della nascita di un figlio o dell’adozione. In realtà, prima di questa pronuncia, in Italia era già possibile dare il doppio cognome, per ragioni affettive o di gratitudine, ma bisognava inoltrare specifica richiesta al prefetto che, nella sua discrezionalità, decideva, caso per caso, di accettare o rigettare la domanda. Oggi, con la pronuncia della Corte Costituzionale, la pratica dovrebbe essere semplice ed automatica, bastando il solo consenso dei genitori all’atto di registrazione della nascita. Ma, in mancanza della legge in materia, il condizionale è d’obbligo. Il ministero dell’Interno per ora ha inviato solo alcune istruzioni operative e chiarimenti interpretativi all’Anagrafe dei Comuni grazie a due circolari del 19 gennaio e del 14 giugno 2017. Qui è stato chiarito che l’accordo (anche solo verbale) tra i genitori deve essere espresso alla nascita e non più in un momento successivo e che il cognome materno, se presente, deve seguire obbligatoriamente quello paterno. Tanti i nodi che restano ancora da sciogliere: non è chiaro se il bimbo, una volta adulto e genitore a sua volta, possa trasmettere quanti e quali cognomi così come non è stato sciolto ancora il nodo dell’applicabilità alle coppie omosessuali. Altro punto spinoso è la possibilità che il neonato abbia solo il cognome materno, ipotesi non ancora contemplata anche qualora i genitori siano d’accordo La Corte europea, 4 anni fa, aveva infatti condannato l’Italia perchè l’impossibilità di avere il solo cognome materno è discriminazione e lede la vita privata e familiare. “Parlando con alcuni parlamentari – ha aggiunto Zagrebelsky – ho cercato di capire dove si fosse arenata la discussione. Mi è stato risposto che uno dei punti era la scelta dell’ordine, di stabilire che se i genitori non fossero d’accordo, si procedesse in ordine alfabetico. Le posizioni erano così distanti che non si poteva nemmeno iniziare il dibattito e, dall’altro lato, c’è anche chi è fermamente contrario al doppio cognome”. Un’ulteriore riprova che lo scoglio più difficile da affrontare è il cambio di mentalità e l’abbandono di consuetudini patriarcali nella concezione della famiglia. A dimostrarlo anche il fatto che, dopo la registrazione di Deva Sordella Avalle, nello stesso comune di Fossano non sono giunte altre richieste simili. Segno che pure dove le amministrazioni sono pronte, i cittadini lo sono un po’ meno.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.