Vittima di usura, aveva chiesto un prestito per curare la moglie dal cancro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
L’atroce malattia che aveva colpito la moglie, aveva costretto il sessantenne scafatese a chiedere un prestito di circa 30mila euro ad una finanziaria nazionale, proprio per coprire le spese per le costose cure mediche.

Un gesto che, però, non fu necessario a evitare la morte della consorte pochi mesi dopo il finanziamento. Inizia a pagare, sino ad estinguere circa un terzo del debito. Poi i problemi aumentano ed in poco tempo diviene moroso di circa 20 mila euro. La finanziaria, quindi, prova a recuperare il credito con un decreto ingiuntivo.

Disperato, l’uomo si rivolge allo Sportello Tutela Aziende e Cittadini facendo analizzare il contratto di finanziamento al consulente convenzionato Stac, dott.ssa Rosanna Marisei. Dall’analisi emerge che la finanziaria, nella formazione del contratto, aveva applicato interessi superiori al tasso legale e, quindi, usurai.

A quel punto è stata l’avv. Valentina Vitaglione, anch’essa convenzionata dello sportello, a proporre opposizione al decreto ingiuntivo innanzi al Tribunale di Nocera Inferiore.

“Il Giudice – spiega il presidente Stac Francesco Antonio Pentone – in prima udienza ha proposto alle parti di trovare un accordo, decurtando l’importo degli interessi illegittimamente versati in precedenza dal cittadino il quale quindi, aderendo alla proposta del Giudice è riuscito a risparmiare il 50% dell’importo richiesto nel decreto ingiuntivo”. Circa dieci mila, quindi, è quanto il sessantenne scafatese è riuscito a risparmiare facendo ricorso al Tribunale di Nocera Inferiore.

“Sempre più spesso – continua – Pentone ci troviamo dinanzi ad usure ai danni dei cittadini. Il più delle volte questo accade proprio quando chi richiede il prestito si trova in uno stato di difficoltà. È una cosa vergognosa, sono dei veri e propri sciacalli, oltre che degli strozzini. È giusto non fare di tutta l’erba un fascio, ma in questo caso è stato così, e il Tribunale ci ha dato ragione”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Il problema è che se queste pseudo finanziarie non vengono sanzionate continueranno a fare sempre così , è vero che non bisogna fare di tutta un erba un fascio ma bisogna anche ammettere che è un fenomeno sempre più diffuso e sempre a danno di persone che hanno bisogno altrimenti non chiederebbero un finanziamento.

  2. Il problema è che se queste pseudo finanziarie non vengono sanzionate continueranno a fare sempre così , è vero che non bisogna fare di tutta un erba un fascio ma bisogna anche ammettere che è un fenomeno sempre più diffuso e sempre a danno di persone che hanno bisogno altrimenti non chiederebbero un finanziamento.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.