La Polonia approva una legge che fa insorgere Israele (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tutelare l’immagine della Polonia e impedire un errore storico, questo lo scopo.

Non vanno definiti polacchi i lager allestiti dai nazisti in Polonia. Il senato di Varsavia, con 57 voti favorevoli, 23 contrari e 2 astenuti, ha approvato la legge che punisce con la reclusione fino a tre anni anche chi sosterrà il coinvolgimento di cittadini o della nazione nella Shoah. Ma i libri di storia racconterebbero altro.

I primi campanelli d’allarme si avvertirono lo scorso 11 novembre, giornata dell’Indipendenza polacca, alla manifestazione organizzata dal PiS, partito di governo. In quella occasione, furono esposti i simboli della destra antisemita che durante la guerra aiutò i nazisti nello sterminio degli ebrei. Si scandirono slogan inneggianti la bonifica delle stanze del potere dall’ebraismo. Si invocò, addirittura, un olocausto musulmano.

“La memoria dei sei milioni di ebrei uccisi è più forte di qualsiasi legge”, ha tuonato dai social Yoav Gallant, ministro del governo Netanyahu. Ora come allora, la reazione di Gerusalemme, non si è fatta dunque attendere. Alla Knesset, il Parlamento israeliano, è stata presentata una legge con cui si introduce la pena fino a cinque anni di carcere nello Stato ebraico per coloro che riducono o negano il reato di complicità di chiunque aiutò i nazisti nei crimini commessi contro gli ebrei.

Venerdì 2 febbraio l’ambasciatrice di Israele in Polonia, Anna Azari, attraverso un comunicato ha denunciato il montare di un clima intimidatorio. Negli ultimi giorni, infatti, all’indirizzo dell’ambasciata si sono registrati numerosi commenti antisemiti diffusi mediante tutti i mezzi di comunicazione. “Fino ad adesso ci siamo trattenuti dal reagire, ma sentiamo che non dovremmo farlo più”. Questo il monito con il quale ha chiosato.

Tali accadimenti stanno suscitando dappertutto perplessità ed apprensione. Pure la Casa Bianca, che sinora non ha nascosto le proprie simpatie verso il governo di Mateusz Morawiecki, ha espresso preoccupazione ed esortato Varsavia a riconsiderare il provvedimento. Ciononostante, il presidente, Andrzej Duda, ha reso nota la volontà di apporvi la firma.

Il popolo polacco, in passato vittima della dittatura e di persecuzioni, ha pagato prezzi altissimi. Quale giudizio darebbe di tutto ciò Karol Wojtyla, colui che con la forza della testimonianza ed il coraggio della verità ha avuto il merito di cambiare il corso della storia e fatto comprendere al mondo intero quanto è necessario riuscire ad abbattere i muri?

Editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.