Violenza di gruppo, tre condanne nel «paese che difese gli aguzzini»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Violenza di gruppo ai danni di una compaesana. La Corte di Appello di Salerno (presidente Massimo Palumbo, consiglieri Giuliano Rulli e Silvana Clemente, P.G. dott. Elia Taddeo) dopo una lunga camera di consiglio hanno confermato la sentenza del Tribunale di Vallo della Lucania con la quale veniva inflitta la pena di anni 4 di reclusione per un gruppo di tre giovani di San Mauro Cilento. Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

I tre imputati si erano resi responsabili di atti di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una loro “amica” e compaesana. Con la scusa di andare a bere qualcosa ad Acciaroli avevano fatto salire sul sedile posteriore di una Polo a tre sportelli la vittima e, deviando in una stradina di campagna, si fermarono e iniziarono a palpeggiare nelle parti intime la ragazza, che ha resistito con tutte le sue forze, fino a gridare e piangere per la disperazione. Ripresasi dallo choc la ragazza, nei giorni successivi, denunciò i tre ragazzi.

Questi si difesero a loro volta accusando la vittima di essere una “pazza” esibizionista che perseguiva lo scopo di vendicarsi di uno dei tre, con il quale aveva avuto una relazione sentimentale. Ovviamente il dibattimento di primo grado ha chiarito, anche con una perizia psichica, l’assoluta integrità fisica e psichica della ragazza, che tra l’altro svolge un lavoro di altissima responsabilità, che difficilmente potrebbe essere assegnato ad una persona labile psicologicamente.

«È stata fatta giustizia – spiega il legale difensore, Antonio Mondelli – nei confronti di questa ragazza che ha avuto un paese contro solo per avere avuto il coraggio di denunciare. L’avevano trasformata da vittima a carnefice, facendola passare addirittura per una squilibrata».

La donna si è costituita parte civile in giudizio, assistita dall’avvocato Antonio Mondelli , e dall’avvocato Giovanni Falci per l’associazione “Mai più Lucrezia”. «Il paese ed in particolare anche le donne, si sono schierate con i violentatori e non con la vittima – dice l’avvocato Falci a La Cità oggi in edicola – quasi a voler condannare il comportamento di una donna che si “permette” di reagire e non assecondare la prepotenza degli uomini ».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. questa notizia non interessa nessun media nazionale, non è commercializzabile perchè:
    1) manca un cadavere;
    2) sono tre italiani “BIANCHI”;
    3) è accaduto al paesello cilentano….quindi di che vogliamo parlare!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.