Uccise la moglie davanti al figlio: condannato a 17 anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Una storia orribile, una vera e propria tragedia quella che si consumò il  30 novembre 2014 a Vibonati, piccolo centro della provincia di Salerno, dove Sandro Pili uccise la moglie,  Pierangela Gareffa, sotto gli occhi del figlio, oggi quattordicenne.

La prima sezione penale della Cassazione ha confermato la condanna a diciassette anni di carcere.

Quel terribile pomeriggio Pili prese il coltello da un’astuccio sul frigorifero di cucina e accoltellò la moglie. La donna restò sul letto per nove ore cercando di tamponare la ferita al fegato. Morì dissanguata tra le braccia del figlio nel corso della notte. L’assassino è rinchiuso nel carcere di Salerno, mentre il ragazzino è stato affidato ad una casa famiglia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.