Sindaco ucciso: marcia ad Acciaroli per dire no ad archiviazione inchiesta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“A più di sette anni dalla morte di mio fratello non ci sono ancora i nomi dei colpevoli.

Con questa marcia vogliamo tenere sempre desta l’attenzione nei confronti delle indagini”. A dirlo Dario Vassallo, fratello di Angelo che accompagnato da sindaci, amministratori e associazioni da ogni parte d’Italia, ma soprattutto tanti cittadini, ha preso parte ieri alla “Marcia per Angelo”, che si è svolta ad Acciaroli, nel Cilento, per chiedere che non vengano archiviate le indagini sull’assassinio di Angelo Vassallo, ex sindaco di Pollica ucciso la notte del 5 settembre del 2010.

Ad organizzare la marcia è stata proprio la “Fondazione Angelo Vassallo”, che nei giorni scorsi ha anche lanciato una petizione sul portale “Change.org” per dire “no” all’archiviazione dell’inchiesta da parte della Procura di Salerno nei confronti dell’italo-brasiliano Bruno Humberto Damiani, unico indagato per concorso in omicidio aggravato dalla finalità mafiosa.

Alla marcia, in prima fila, insieme con il fratello del sindaco Vassallo, presidente della fondazione, c’era anche la moglie di Angelo Vassallo, Angelina, e il figlio Antonio. La marcia ha attraversato in silenzio il piccolo centro della costiera cilentana, dal porto turistico al luogo dove la notte del 5 settembre di 7 anni e mezzo fa il “sindaco pescatore” venne trucidato con nove colpi di pistola mentre era a bordo della propria auto, a poche decine di metri da casa sua.

Un percorso di novecento metri, al quale hanno preso parte tanti sindaci del territorio, ma anche i primi cittadini e i rappresentanti delle amministrazioni della Campania e di altre regione d’Italia.

Dario Vassallo ha voluto sottolineare che la manifestazione “non è contro la magistratura, con la quale abbiamo sempre collaborato e continueremo a farlo perché solo in questo modo potremo arrivare alla verità”.

“Non sappiamo se questa marcia servirà a scongiurare il pericolo di archiviazione delle indagini”, ha commentato Antonio Vassallo, figlio del “sindaco-pescatore”. “Siamo qui per ricordare mio padre, una persona straordinaria. Vogliamo sapere cosa è successo quella notte. Vogliamo che questo iter giudiziario non si fermi qui, che la politica, la magistratura, e in questo caso lo stesso ministro Orlando possano comprendere le nostre motivazioni e permettere che l’indagine vada avanti. Siamo noi che lo chiediamo, ma lo chiede anche il nostro territorio. L’idea che gli assassini di mio padre siano liberi è insopportabile”.

(Fonte ANSA)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.