Ass. Io Salerno: ‘Diamo un’anima al Masuccio’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
“Il “Masuccio” è sbagliato”, ci diceva l’amico Pierino mentre, con la testa tra le mani in segno di sconforto, guardava la sua barchetta semiaffondata all’interno dell’approdo.

Era un giorno di giugno di uno dei primi anni ‘90. Non ricordiamo quale. Un fortunale improvviso aveva colpito la Città e aveva arrecato gravi danni a molte imbarcazioni già calate in mare per la stagione estiva.

Era distrutto. Piangeva. Ci diceva: “Vedi, il braccio del molo a mare va verso ”fuori” e l’entrata è troppo larga, così le onde penetrano veloci sotto la spinta del libeccio e dei mulinelli causati dalla vicina barriera”. Lui ne capiva. Era cresciuto al porticciolo di Pastena, tra vecchi pescatori e gabbiani curiosi. Era un vero “lupacchiotto di mare”.

E aveva ragione. Perché oggi, pur dopo molti anni, l’Autorità Portuale ha finalmente messo in programma opere di riqualificazione dell’approdo con la finalità di migliorarne il livello di sicurezza proprio con riferimento ai danni causati dalle ricorrenti libecciate.

I lavori prevedono la costruzione di una spina di 45mt per il restringimento della bocca e la realizzazione di un sistema di banchine “assorbenti” in grado di smorzare, all’interno, l’impeto delle onde.

Non sarà eseguito, invece, il pur necessario intervento di allungamento del molo di sopraflutto, verso Santa Teresa, da completare con una testata idonea a contrastare le onde incidenti.

Non ci sono risorse sufficienti.

E, allora, ci viene spontaneo chiedere: ma, perché in questa Città si continua a “mettere le pezze” all’esistente invece di affrontarne i problemi, fino in fondo, attraverso programmi degni della sua ambizione europea?

Il “diportismo amatoriale”, dopo la crisi generata dal decreto Monti, sta recuperando vigore e può proporsi come componente qualificante di una forte offerta turistica.

Gli approdi della nostra Città, escludendo il Marina di Arechi per improponibile confronto qualitativo, offrono circa 2.200 posti barca, del tutto insufficienti in relazione alla domanda, variamente distribuiti tra una quantità di ormeggi, ora ristretti tra scalo commerciale e turistico, ora improbabilmente costituiti da strutture metalliche posizionate al di sotto del lungomare, che non sembrano assicurare, a nostro parere, la qualità e i livelli di sicurezza richiesti per strutture della specie.

In tale situazione, noi pensiamo che la riqualificazione del Masuccio possa essere l’occasione per mettere in campo un progetto di maggiore respiro in grado di utilizzare al meglio la più valida risorsa economica a disposizione nel nostro territorio: il mare.

Noi pensiamo che l’approdo non sia solo un porticciolo, ma sia una testimonianza. Perché per la sua posizione, al “centro del centro”, e per la sua funzione di punto di attracco per la Costiera, costituisce la prima immagine – ovvero l’ultima – che la Città offre di sé al visitatore in transito – in arrivo o in partenza – per prendere un traghetto o un treno.

In tale veste, esso è misura della qualità della vita della nostra comunità, del livello di civiltà in termini di servizi, di accoglienza, di attenzione per l’ambiente.

Ma ciò non vale solo per il Masuccio. Vale per tutta la vasta area compresa tra l’approdo e la Stazione Ferroviaria ove, purtroppo, sono fino ad oggi mancati interventi idonei a realizzare una “mostra permanente” di promozione per l’intero territorio.

Se, perciò, questa Città vuole inseguire il “turismo di qualità”, non può mancare di elevare la “qualità” della sua offerta intervenendo, prioritariamente, sui luoghi di maggiore esposizione che sono chiamati ad esercitare un più intenso richiamo nei confronti dei flussi turistici.

Noi riteniamo che il Masuccio debba divenire il “borgo marinaro” della Città (cfr. salernonotizie.it – 26/04/2017).

In ogni Città di mare, sul mare o del mare, che possa meritare tale appellativo, si è sempre storicamente costituito un luogo-ambiente nel quale scenografie suggestive, frutto di un  progressivo adattamento alla natura, sono testimonianze della storia, del sacrificio, del rapporto di “odio-amore” che lega la vita di ogni buona comunità di pescatori al proprio mare e anche pittoresca rappresentazione della capacità creativa della gente, degli usi e dei costumi popolari, nonché – perché no – della secolare fusione del sapere con i sapori e gli odori della tradizionale cucina marinara.

Per questo, quando visitiamo Città di mare, andiamo alla ricerca del suo borgo marinaro. Che qui, da noi, non c’è!

Con il prolungamento del molo di sopraflutto e l’allungamento delle banchine a terra, fino ad includere buona parte degli attracchi disposti al di sotto del lungomare, il Masuccio potrebbe non solo raddoppiare la capienza dei posti barca e migliorare il livello della sua sicurezza, ma anche divenire la sede di una nuova vitalità urbana, un’area libera dove vivere quotidianamente il rapporto con il mare, ormeggiare la barchetta, a basso costo, frequentare attività artigianali specifiche insediate sulle banchine (veleria, ricambi, manutenzione, arredo-barche), socializzare nei bar e nei locali di ristorazione o, più semplicemente, sedere a respirare e chiacchierare.

Due gallerie sotterranee, sufficientemente ampie da consentire la realizzazione anche di locali commerciali e artigianali, potrebbero creare un collegamento con aree di parcheggio al di sotto di P.za della Concordia e di P.za Mazzini, mentre le superfici calpestabili darebbero spazio ad un giardino urbano dotato di strutture leggere ove insediare locali di pubblica utilità (pronto intervento sanitario, stazione di polizia, informazione turistica, telefoni pubblici, servizi igienici, biglietterie, stazione taxi, capolinea autobus), spazi di riposo e di sosta per cittadini e turisti.

Una “via dell’arte” potrebbe collegare questi spazi con la Stazione Ferroviaria per accompagnare i visitatori con i prodotti della manifattura ceramica locale (panchine, fioriere, totem) e con postazioni fotografiche con le immagini delle località più note e affascinanti del nostro territorio.

Questo è ciò che pensiamo per il Masuccio, in estrema sintesi, nella convinzione che l’unione di tre punti nevralgici della Città in un unico progetto, coerente e sostenibile, sia la scelta indispensabile per imprimere una spinta formidabile alla sua crescita in chiave turistica.

Salerno è una “piccola” comunità di 135.000 abitanti. Ha bisogno di proposte equilibrate e commisurate alla “sua età”. Non ha bisogno di mettere le scarpe tacco 12 o gonfiare le labbra con il botulino.

Non si cresce seguendo le mode, ma preservando la purezza, la trasparenza, l’identità mediterranea e meridionale, i colori, gli odori, il calore e l’accoglienza della popolazione.

Il nuovo Masuccio renderebbe felice anche l’amico Pierino. Tradito, precocemente, dal cuore ma sempre presente, in cielo, in compagnia dei suoi gabbiani.

Lasciamo che questa Città possa prosperare con l’amore e nell’amore.

Associazione Io Salerno – Officina di Pensiero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Non leggo mai sti sermoni perchè troppo lunghi
    Ma chi scrive ogni volta ‘sti sproloqui non puó sforzarsi a cacciare un po’ di capacità di sintesi ?

  2. Salerno è una città “sul mare” e non una “città di mare”! E tra le due cose c’è una differenza profondissima!!!!!! Nel frattempo, il Masuccio rimane preda del circolo velico, della lega navale e del terzo ormeggio che si sono appropriati delle aree pubbliche per il ricovero a terra invernale delle imbarcazioni. E questa è un’altra vergogna di cui nessuno ne parla.

  3. Dopo il commento “Dotato” mi sembra necessario esprimere la mia opinione, premesso che non conosco l’associazione, ne chi scrive gli articoli, nemmeno chi siano e dove sono.
    Cio’ detto, il mio modesto parere sarebbe che gli articoli di “Io Salerno” sono sempre di altissimo livello per le tesi sostenute e per le argomentazioni sempre culturalmente, scientificamente ed economicamente valide.
    Continuate cosi’ fatevi conoscere, aprite un sito internet ove ci si possa aggregare e sostenere le iniziative da voi proposte a vantaggio della nostra citta’.
    Non prenderemo in considerazione coloro i quali guardano e criticano il dito quando questo sta indicando la luna.

  4. Ci sforziamo di essere semplici e chiari. Trattiamo, da cittadini, i problemi che riteniamo possano interessare tutti i cittadini. Almeno quelli che amano questa Città. Non è nostra intenzione essere prolissi, ma è certamente nostra volontà approfondire la discussione per eliminare ogni equivoca interpretazione. E, per fare questo, non possiamo sintetizzare oltre il consentito.
    Ringraziamo chi ha la pazienza di seguirci. Continueremo a sollecitare l’interesse di tutti perché ciascuno possa vivere con “interesse” nella comunità. Da attori, non da comparse o da semplici spettatori. La Città è di tutti e tutti abbiamo il dovere di preservarla per le generazioni future, magari lasciando un segno del nostro passaggio. Come hanno fatto i nostri predecessori. Non aspiriamo ad essere osannati, ma sicuramente non vogliamo che qualcuno possa maledirci per non aver almeno tentato di fare il dovere che spetta a ogni buon cittadino.
    C’è un tempo per tutto. Arriverà la “pienezza del tempo” anche per noi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.