Indagine Napoli: Roberto De Luca indagato per corruzione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
Anche Roberto De Luca, assessore comunale a Salerno e figlio del governatore della Campania Vincenzo De Luca, è indagato nell’ambito dell’inchiesta della procura di Napoli che ieri ha portato a una serie di perquisizioni in uffici regionali.

Il suo coinvolgimento nell’inchiesta sarebbe collegato a un video del quotidiano on-line Fanpage in cui un finto imprenditore propone accordi illeciti in riferimento ad appalti per lo smaltimento delle ecoballe. De Luca jr sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di corruzione.

Perquisizioni in uffici regionali e presso la sede della Sma, la società della Regione Campania che si occupa della tutela dell’ambiente. E tra gli indagati spunta il nome del consigliere regionale Luciano Passariello, candidato alle elezioni del 4 marzo nella lista di Fratelli d’Italia.

È l’esito di una indagine condotta dalla procura di Napoli su una presunta offerta di denaro da parte di imprenditori, tra cui uno ritenuto legato a un clan della camorra, per ottenere un appalto. “Che Luciano Passariello è indagato l’ho saputo oggi, ora cercherò di capire cosa è accaduto, sono rigida e credo nello stato di diritto, non ho problemi, se si dovesse scoprire che non era una persona degna, di prendere le conseguenti determinazioni – il commento della leader di FdI, Giorgia Meloni -, ma spero che questa indagine finisca come tutte le indagini di Woodcock, con un nulla di fatto”.

Nel decreto di perquisizione eseguito in mattinata dagli uomini dello Sco, il servizio centrale operativo della polizia, e dalla Squadra Mobile si ipotizzano i reati di corruzione aggravata dalla finalità mafiosa, corruzione e finanziamento illecito dei partiti. L’inchiesta è coordinata dai magistrati della direzione distrettuale antimafia e della sezione reati contro la pubblica amministrazione: oltre al procuratore Giovanni Melillo e l’aggiunto Giuseppe Borrelli i sostituti Celeste Carrano, Henry John Woodcock, Sergio Amato, Ilaria Sasso del Verme e Ivana Fulco.

Al centro dell’inchiesta un appalto per lo smaltimento dei fanghi provenienti da cinque depositi di stoccaggio gestito dalla Sma. Gli inquirenti parlano di accordi corruttivi e la tangente pattuita sarebbe stata in proporzione ai guadagni ottenuti dagli imprenditori. Tra gli indagati figurano anche un presunto intermediario e alcuni dipendenti della Sma. L’inchiesta della procura si intreccia con quella giornalistica realizzata dal quotidiano online Fanpage. Alcuni giornalisti sono stati indagati per essersi finti imprenditori e aver contattato politici proponendo accordi illeciti. Passariello, 57 anni, consigliere comunale a Napoli e poi sempre eletto in Regione dal 2005 (prima con Fi e Pdl, poi alle ultime elezioni con Fdi), è componente della Commissione regionale anticamorra e presidente della Commissione speciale sulle aziende partecipate, una delle quali è proprio la Sma. “Non mi è stata contestata nessuna condotta diretta – la sua replica alle accuse -. Risulto coinvolto perché altre persone avrebbero fatto il mio nome. Essere nominato da altre persone in terze conversazioni è cosa ben differente dal commettere reati”. Si dice pronto a collaborare con gli inquirenti e chiede ai media di “non gettare fango prima del voto”. Il partito campano solidarizza con Passariello, e il vicecoordinatore regionale di Fdi, Pietro Diodato, esprime “rammarico per la tempistica” dell’inchiesta. Le elezioni sono imminenti ma – spiega in una nota il procuratore Giovanni Melillo – perquisizioni e sequestri di oggi erano “urgenti e indifferibili”. L’imminente pubblicazione della videoinchiesta di Fanpage rischiava infatti di “pregiudicare gravemente” le indagini.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. Indagherei anche voi giornalisti giornalai venduti di De Luca e del sistema Salerno…sareste già da condannare per inquinamento della volontà popolare con i vostri articoli venduti…

  2. oramai le prossime inchieste in Procura le faranno fare a Barbara D’Urso, a quarta colonna, a striscia….che munnezz e’ paese!

  3. A.Esposito tu e LiraTV dovreste andare in galera insieme ai De Luca, siete la rovina di Salerno…

  4. Se non è un sentito dire e compare veramente in un video dove dice quello per cui è indagato, sarebbero opportune le dimissioni.
    Non e’ neanche legittimato dal voto popolare quindi…. Sindaco Napoli se sei una persona seria….devi rimuoverlo e metterlo alla porta…. non puoi avere in giunta presenze imbarazzanti

  5. Dobbiamo ringraziare che un piccolo gruppo di persone con LE PALLE ha rischiato la propria pelle per far venire a galla la verità…sono questi gli EROI dei nostri tempi, non certo HAMSIK o BOCALON…

  6. le palle le raccontate tutti i giorni, dal 08/09/2007, ora una più una meno … fanpage….e chi? è il giornalino di sandra milo e piccoli fans?

  7. …Ricordatevi : “… O’ Diritt’ mor’ ‘mann’ o Fess’…!” ( Anonimo napoletano)
    Capisc’ a mme……..

  8. Leggo i commenti…..Salerno e’ con te….Enza da pastena…..Pastena rossa……Io mi vergognerei……Punto. ….

  9. Quindi ricapitolando, dei giornalisti di Fanpage.it si sono finti come “imprenditori” per provare a fare (loro) illeciti con politici sulle ecoballe. Qui pare che il reato lo facciano questi giornalisti e non chi riceve l’offerta di corruzione….aprite gli occhi,,,NO CENSURA

  10. qua l’unico imbarazzo è il vostro, che non sapendo dove e come attaccarvi, spalate fango. Pensate a fare i vostri bonifici, TRUFFATORI..!!!

  11. X la redazione di Salernonotizie.it:Vi dovete solo vergognare di far pubblicare commenti accusatori contro certi politici in campagna elettorale, siete vergognosi vi invito ad eliminare quanto prima i commenti accusatori su persone “non responsabili sui fatti”, fate attenzione ai commenti! NON CENSURARE

  12. X Enza da Pastena. Non essere troppo entusiasta, e te ne accorgerai il 4 marzo, perchè fra poco dovrai trovare un lavoro dato che finiranno le fritture

  13. Arrivera’ il giorno in cuI si scoperchieranno le caccavelle ne sentiremo delle belle censurate pure

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.