Campania: si dimette il presidente della Sma. De Luca annuncia video

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Terremoto sulla Sma, la società regionale per l’ambiente che si occupa dello smaltimento dei fanghi dei depuratori. Biagio Iacolare, il presidente, si dimette dopo l’inchiesta di Fanpage.  Lo fa sapere l’avvocato Nello Palumbo, difensore di Iacolare.

E ricorda, a proposito del video di Fanpage in cui compare il presidente della Sma, che Iacolare “su richiesta dell’avvocato Mario Oliviero, ha incontrato in un’ unica occasione una persona a lui presentata come un imprenditore, in grado di offrire condizioni economiche più vantaggiose per lo smaltimento dei fanghi reflui. Come emerge chiaramente dalla visione del filmato, lo Iacolare non ha né chiesto ne accettato alcuna somma di denaro”.

“La conversazione – continua Palumbo – verte unicamente sulla possibilità di applicare un prezzo più conveniente, suscitando per tanto l’attenzione dello Iacolare. Il filmato riporta, inoltre, un colloquio intercorso tra l’avvocato Oliviero e il sedicente imprenditore, colloquio svoltosi in assenza dello Iacolare e nel quale si parla di un accordo economico. Se tale accordo vi è stato, esso è avvenuto all’insaputa dello Iacolare, per cui dovrà essere eventualmente l’avvocato Oliviero a spiegare le circostanze riferibili alla sua condotta”.

L’avvocato Palumbo fa anche osservare che il colloquio, “che appare tra l’altro incompleto, è improntato a evidenti forzature poste in essere dal sedicente imprenditore, con un atteggiamento quasi passivo dello Iacolare. Va comunque evidenziato che, nella qualità di presidente della Sma, lo Iacolare non riveste funzioni gestionali, che sono affidate esclusivamente al consigliere delegato. In ogni caso, per evitare qualsiasi strumentalizzazione in ordine ad una vicenda dai contorni oscuri ed inquietanti, sia per la genesi che per le finalità, che sono tutte da accertare, lo Iacolare rassegnerà le sue dimissioni dall’incarico di presidente della Sma”.

 

L’ATTACCO DI LUIGI DI MAIO

“Sto guardando il terzo video dell’inchiesta di Fanpage. È Allucinante. Sembra di vedere ‘Gomorra’, ma a differenza della serie qui devono vincere i buoni! Tra poco farò un video dove vi racconto tutto quello che sto provando. Non devono passarla liscia!”. Lo scrive su Twitter Luigi Di Maio, candidato premier del Movimento Cinque Stelle.

“Stanno ammazzando la mia gente, la Campania e la terra dei fuochi- prosegue sui social il leader del M5s – Mandiamo a casa questi partiti, assassini della mia gente attraverso l’interramento e lo sversamento illecito dei rifiuti. In Gomorra i camorristi fanno paura  questi partiti invece si comportano peggio dei camorristi, perchè la camorra fa il suo sporco lavoro e i partiti li incontrano”.

Poi Di Maio attacca il presidente della Regione Vincenzo De Luca: “Senza i voti di De Mita, De Luca non avrebbe mai vinto in Campania”. E a Giorgia Meloni:  “Parla di legalità, di patria. Ma su Passariello ancora non ha detto una parola. Come vedete Tangentopoli non è mai finita. Grazie ai giornalisti oggi veniamo a conoscenza di una Tangentopoli campana che investe tutti partiti di questo Paese, centrodestra e centrosinista.

Ma non è solo una Tangentopoli campana perché qui ci sono uomini che girano intorno al partito dell’attuale presidente del Consiglio dei ministri Gentiloni, dell’ex premier Renzi e politici che girano intorno al partito di Giorgia Meloni che parla tanto di onestà e poi ha persone indagate in questa inchiesta. E’ un atteggiamento peggiore di quello della camorra”.

IL GOVERNATORE DELLA CAMPANIA

“Campania a testa alta. Una nuova resistenza …Giovedì nuovo videomessaggio”. Lo ha scritto su Facebook il presidente della Regione campania, Vincenzo De Luca, che pubblica sulla propria pagina la canzone “The partisan” di Leonard Cohen.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Questa gente non ha nessuna regola invito a tutti gli italiani a votare bene il 4 marzo perchè a noi in campania già ci hanno riempito di merda e non c’è piu spazio adesso tocca alle altre regioni d’italia…. e se non volete fare la fine della campania ragionate bene.

  2. il Sign.Iacolare scarica addosso all avvocato…e gia’….ma non si spiega xche’ poi sti affari vengono trattati mai nel posto dove dovrebbero.,……uocchio nun ved …..eh….troppo bello…se lecito..ricevi negli uffici preposti……bellissima a valigetta con spazzatura……

  3. x ANONIMO, cosa guardate , il metodo? Il fatto chiaro ed inconfutabile è che, se al posto di Nunzio Perrella ci fosse stato un imprenditore vero, l’accordo si sarebbe concluso e lo smaltimento sarebbe costato il doppio dell’offerta, con un danno per i cittadini di dieci milioni l’anno…

  4. Caro simpatico che ce l’hai con anonimo, ti ricordo che il pentastellato Perrella non è candidato…
    e tu? Cosa ci consigli di votare?
    Illuminaci….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.