Inchiesta rifiuti Campania: in campo due procure e l’Anac di Cantone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Un colloquio di oltre un’ora tra il procuratore di Napoli Giovanni Melillo e il presidente dell’Anac Raffaele Cantone.

Argomento al centro dell’incontro, che si è svolto stamattina all’ottavo piano della sede della procura al Centro Direzionale, la collaborazione tra i due uffici in relazione agli appalti per lo smaltimento dei rifiuti.

Un rapporto fatto di un costante scambio di informazioni che riguardano l’intera materia e non solo la nuova inchiesta avviata dalla procura di Napoli sul contenuto dei video diffusi da Fanpage, anche se la vicenda dei presunti casi di corruzione emersi dall’indagine giornalistica ha assorbito buona parte del colloquio tra il capo dei pm partenopei e il presidente dell’Autorità che ha il compito di vigilanza sugli appalti pubblici.

L’Anac lo scorso anno trasmise alla magistratura atti riguardanti la gestione della Sma Campania, la società in house della Regione per la tutela dell’Ambiente coinvolta nella indagine che hanno portato alle perquisizioni eseguite nei giorni scorsi. La stessa Autorità anticorruzione ha svolto attività di vigilanza sugli appalti della Regione sullo smaltimento delle ecoballe. L’Anac metterà a diposizione degli inquirenti della procura di Napoli il proprio bagaglio di conoscenze sul tema rifiuti.

Tra la procura di Napoli e l’Anac vi sarà una collaborazione – è stato sottolineato – analoga a quella in atto con la procura di Roma sulla vicenda Consip. Per quanto concerne le vicende documentate da Fanpage, ieri sera sono state diffuse anticipazioni sulla quarta delle sette puntate di Bloody Money, l’inchiesta giornalistica di Fanpage, nella quale Nunzio Perrella, ex boss pentito della camorra, nelle vesti di finto imprenditore discute con la moglie di un militare dell’Esercito di denaro della camorra da utilizzare per un affare, ovvero la costruzione di un sito di stoccaggio a Marghera.

“Questi sono soldi della camorra”, dice Perrella. ”Va bene, dov’è il problema?”, replica la signora che, qualificandosi come esponente di una cordata di imprenditori, avanzerà poi una richiesta di due milioni di euro. La procura di Venezia valuterà nelle prossime ore l’acquisizione del video visionato oggi dal procuratore Bruno Cherchi. Oggi intanto il presidente della Federazione nazionale della Stampa, Beppe Giulietti ha visitato la redazione napoletana di Fanpage.

“Se uno si sente leso nei suoi diritti può tranquillamente querelare ma certi linguaggi violenti non sono accettabili, né contro Fanpage né contro la Rai o qualsiasi altro”, ha detto Giulietti. “Al di là del dibattito sulla metodologia dell’inchiesta giornalistica – ha aggiunto il presidente della Fnsi – bisogna stare attenti e non delegittimare i giornalisti con alcune parole e toni inaccettabili, soprattutto da chi rappresenta le istituzioni”.

Ed è ancora clima teso tra il governatore Vincenzo De Luca e i cronisti, bloccati dalla sicurezza mentre, al termine di un convegno, tentavano di avvicinarlo per domande sull’inchiesta.

(ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. … i giornalisti non possono essere delegittimati ma i rappresentanti delle istituzioni si.
    Ma che state a dì

  2. Caro Cantone, non so se legge questo messaggio, De Luca è un prepotente e con la sua prepotenza e con l’ebbrezza del comando tenta di coprire le sue presunte malefatte (dal Crescent, alle società partecipate di Salerno e della Regione Campania alle ecoballe alla IREN ) mi auguro che tutti i nodi vengano al pettine

  3. Anche il povero Giancarlo Siani fù delegittimato e isolato dopo le sue grandi inchieste giornalistiche sul malcostume e corruzione imperanti a Torre Annunziata, dimostrando con matematica certezza la grave commistione tra la camorra e la politica ai fini della corruzione sugli appalti pubblici, ove il libero voto non esisteva più! Anche il compianto Angelo Vassallo dopo le sue puntuali denunzie contro i lavori pubblici della Provincia di Salerno sulle strade fantasma è stato isolato e indicato come persona sgradevole soprattutto dal suo partito per finire barbaramente trucidato………..attenzione alle parole! Molte volte servono ad indicare agli amici degli amici il prossimo bersaglio……….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.