Sclerosi multipla: la cura dalle cellule progenitrici che riparano la mielina

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Individuate cellule progenitrici del cervello adulto, chiamate precursori oligodendrocitari che, quando vengono attivate da un danno neurodegenerativo, possono contribuire a riparare le lesioni del tessuto cerebrale. Le cellule progenitrici, in pratica, funzionano alla stregua di olingodendrociti maturi per riformare la mielina cerebrale e permettere lo scambio di impulsi nervosi tra le cellule.

Il ruolo del recettore GPR17, nella ricostruzione della guaina mielinica in malattie neurodegenerative come ad esempio la sclerosi multipla, era già stato scoperto precedentemente. Uno studio condotto da Maria Pia Abbracchio dell’Università Statale di Milano mette in chiaro, per la prima volta, che i progenitori esprimenti GPR17 possono generare in vivo cellule mature per la mielina e questa loro capacità dipende proprio dall’ambiente circostante.  Quando il tessuto cerebrale ha molecole infiammatorie in grande quantità, il processo di maturazione di queste cellule viene inibito.

La demielinizzazione  è stata sviluppata nel laboratorio della professoressa Abbracchio su una linea di roditori dove i progenitori esprimenti GPR17 hanno permesso così di seguirne quell’evoluzione all’interno del sistema nervoso centrale.

Gli esperti  hanno utilizzato due modelli diversi in vivo di sclerosi multipla nel roditore: il modello dell’encefalomielite autoimmune sperimentale è caratterizzato da potente demielinizzazione associata a forte infiammazione sia a carico del cervello che del midollo spinale, e il modello del cuprizone, dove la demielinizzazione viene indotta localmente all’interno del cervello con un agente tossico che produce un basso grado di infiammazione.

In questo modo, i ricercatori hanno visto che solo nel modello caratterizzato da minore o assente infiammazione i progenitori riuscivano a maturare in cellule mielinizzanti in grado di riparare le lesione.

Fonte affaritaliani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.