“Cantare De André, sogno che si realizza”: Luxuria a Salerno per Ballata degli Esclusi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
«Ho tanti ricordi legati a De Andrè, cantarlo con una band con tutti gli elementi è un mio sogno che si realizza»: sono le parole di Vladimir Luxuria che domani sarà (ore 21) sarà interprete protagonista de “La Ballata degli Esclusi: incontrando Faber”, nell’auditorium del Centro Sociale di Salerno, per celebrare e difendere i diritti civili attraverso il teatro e la musica.
Un recital scritto e diretto da Antonello De Rosa, ispirato al repertorio del cantautore genovese che più di tutti ha fondato la sua poetica sui diritti negati agli oppressi.
«Ho scelto Vladimir per questo spettacolo – spiega De Rosa – perchè la sua è una figura dionisiaca a Dioniso è tutto, è l’emblema del teatro. Sarà un copione aperto il suo: nessun rigore, battuta per battuta. Questa è una sfida che lancio a me stesso, essendo rigido sui testi teatrali. Sarà un gioco: andiamo, senza sapere dove ci porta. La magia dle teatro nasce dal coraggio di farlo, attraverso un scambio tra l’attore e il regista.»
Sul palco, la tribute band ufficiale di De André Volta La Carta, con i musicisti: Gaspare Di Lauri, Elisa Campagna, Federica Caso, Filomena De Gennaro, Tony Panico, Giuseppe Rinaldi, Donato Giachetta, Gianvincenzo Giudice, Giustina Gambardella, Angelo Saturno.

«Le canzoni di De Andrè non mi stancheranno mai – ha aggiunto Luxuria nel corso della conferenza stampa di ieri mattina presso la libreria Feltrinelli a Salerno -.  I suoi testi mi commuovono, ha cantato gli esclusi da prima che venisse coniato il termine femminicidio: chissà se la prostituta che ha ispirato Marinella sa che è diventata immortale.”Andrea” è uno dei primi testi in cui si canta dell’omosessualità. Ho molti ricordi legati ai suoi testi. Avevamo un caro amico in comune: don Gallo. Alla sua veglia funebre cantavamo tutti: tutti gli esclusi dalla chiesa a cui lui ci ha riavvicinato. Ognuno di noi cantava una strofa. C’era l’ex tossico, il transessuale, il disagiato mentale.»
Lo spettacolo procede nel solco tracciato da Scena Teatro con il Cantico degli Esclusi, messa cantata ideata e voluta da Pasquale Petrosino, dedicata alla comunità Lgbt e ai divorziati: a tutti gli esclusi dalla comunità cattolica che non rinunciano a vivere la propria religiosità in una dimensione più libera e giusta che non preveda discriminazioni di genere.
Un’operazione di teatro civile accolta da Luxuria che racconta: «Ero convinta che non avrei potuto avere posto nella Chiesa. Don Gallo mi ha riportato al cristianesimo. Io mi ero avvicinata al buddismo a cui sarò sempre grata ma lui mi disse che non dovevo darla vinta a chi non aveva saputo leggere il Vangelo, il messaggio di Gesù per gli ultimi.»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.