Salernitana, i giocatori rompono il silenzio: ”Delusi quanto voi, stateci vicini”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
19
Stampa
All’indomani della sconfitta interna contro il Parma all’Arechi i calciatori granata assenti nel dopo gara in sala stampa hanno voluto porgere le loro scuse ai tifosi per il brutto momento attraversato. E lo hanno fatto stasera attraverso un comunicato pubblicato sul sito della società granata:

Noi calciatori dell’U.S. Salernitana 1919, visto il silenzio stampa disposto dalla Società, abbiamo chiesto e ottenuto dalla medesima la pubblicazione di queste poche righe profondamente sentite da tutto quanto lo spogliatoio.

Consapevoli del difficile momento che stiamo attraversando esprimiamo tutto il nostro rammarico per la delusione che stiamo dando ai nostri tifosi, i quali non mancano mai di sostenerci e in tanti lo hanno fatto anche ieri contro il Parma.

Da parte nostra ci sarà da qui alla fine il massimo dell’impegno, così come non è mai mancato fino ad ora, e siamo i primi ad essere dispiaciuti perché al di là degli scarsissimi risultati raccolti sul campo, durante la settimana svolgiamo con mister Colantuono un alto profilo di allenamenti e prepariamo insieme allo staff la gara nel migliore dei modi.

Siamo convinti che noi con voi, con il vostro sostegno da sempre illimitato, riusciremo insieme allo staff tecnico a uscire da questa situazione che mortifica tutti, ribadendo fin d’ora il massimo dell’impegno per onorare e lottare per la maglia granata.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

19 COMMENTI

  1. Assodato ke la Società è completamente assente e di Salerno se ne fotte se nn in termini economici x i loro interessi, e come la piazza anke la squadra ne risente sotto ogni punto di vista di qst situazione, un appello ai giocatori e al mister di metterci tutto l impegno possibile x salvare qst stagione remando tutti nella stessa direzione. Ricordiamoci ke tra due settimane c è il derby con le pecore. Attenzione. Vediamo di reagire a tutte qst batoste. Forza Salerno fino alla fine.

  2. La colpa non è vostra che siete scarsi,ma di chi vi permette di indossare la nostra casacca…salvate il salvabile se ci riuscite,poi andate via tutti con un pulmino il più lontano possibile da Salerno…mi raccomando non dimenticate il vostro DG ed i 2 coproprietari…

  3. Le responsabilità di questa vergogna sono della proprietà e della dirigenza che pensano bene di addossare la colpa ai soli giocatori!

  4. Desidero fare un plauso ai grandi tifosi della provincia di Salerno che hanno fatto vedere ai ” tifosi ” di Salerno cosa significa essere ultras…… In qualsiasi categoria. Dico sempre che ami i colori della tua squadra la segui sempre senza protagonismo e in qualsiasi categoria. Ad oggi penso che salvarci o non salvarci é uguale meglio la D con dignità che sudditi del padrone.

  5. Un’altra bella manipolazione: il valore della società’ dipende tantissimo dai tifosi e dal loro potenziale, non solo a causa degli incassi provenienti dal botteghino, ma soprattutto per sponsor, diritti televisivi e potenziale futuro (Net Present Value). Lotito lo sa bene e col suo compare giocano al poliziotto buono e al poliziotto cattivo. Se i tifosi veramente crollano, come sta succedendo, il valore della società’ s’affossa di conseguenza. Se i Giocatori veramente ci tengono a vedere tifosi sugli spalti, cominciassero ad alzare la voce con la società’. Quest’ultima invece di diramare assurdi comunicati mettesse il biglietto ad 1 euro per la partita con l’avellino, anziché istituire la giornata granata e cercare di ingrassare le vacche…altrimenti meglio stare zitti e prendersi i soldi, come fa il mister dall’assurdo ingaggio.

  6. La colpa non è vostra, ma della società, detto questo mettere 5 squadre sotto di voi e finiamo questo campionato

  7. non si può esortare alla diserzione con quasi un girone da giocare, auspicare la retrocessione pur di liverarsi di Lotito di torno e poi chiedere i biglietti a 1 euro contro l’Avellino, io ci vedo una grossa incoerenza. L’unico patrimonio della Salernitana è sempre stato il seguito del pubblico, ma con gli anni anche quello è scemato vistosamente e ben prima della campagna di indebolimento di gennaio, basta guardare le statistiche per capirlo. Qua siamo talmente miopi da non capire che il crollo delle presenze più che il fatturato di Lotito (che può abbondantemente compensare con la vendita di giocatori della Lazio, qualificazione Champions e diritti tv), pregiudica l’interesse di eventuali sponsor e di potenziai acquirenti oltre a contribuire a rendere l’Arechi terreno di conquista per chiunque.

  8. Ma chi a scritt Zito stu comunicato??? Ridiamoci su perché c sta sul a chiagn! Lo schifo che sto vedendo quest’anno non ha prezzo!

  9. Da Salernitano emigrato e innamorato della sua terra come della sua Casacca, credo che dovremmo fare tutti una “mea culpa” se siamo arrivati a questa situazione avvilente; Sì, io credo che il 50% della colpa è anche nostra, oltre che della società, non dei calciatori che comunque scendono in campo per lottare. E’ inspiegabile cosa sia successo quest’anno, un girone d’andata se non brillante ma quanto meno gratificante soprattutto fuori casa, vedi Parma, Novara, Avellino…Una Salernitana così non la ricordavo da anni..e invece cosa è successo? Ci siamo lamentati dei tanti pareggi casalinghi dove pur non vincendo non abbiamo Mai sofferto, Bollini non era buono, volevamo uno vincente….a Gennaio dovevamo rinforzarci..ed ecco qua i risultati; allenatore Blasonato, squadra impoverita (Via Alex, Zito titolare; Via Bernardini, Monaco-Schiavi al ballottaggio); quello che manca a Salerno è la pazienza (virtù dei forti) e la graduale assenza dallo stadio ne è la prova; a Salerno non si respira Granata come una volta, la colpa possiamo darla a Lotito e Co. ma la Casacca è la nostra e ora dobbiamo rimediare ai “nostri” errori, fino alla Fine solo per la Salernitana Sempre!!!!

  10. La Salernitana ha capito che non può reggere 4 mesi di serie B con un ragazzino di vent’anni e Bocalon. Allora hanno contattato Nasri. Ma Nasri è stato appena squalificato dalla UEFA per sei mesi. Sembrava fatta per Flamini ma all ultimo secondo è andato al Getafe in Spagna. Restano soltanto: Cassano, Vucinic e Nocerino. Abbiamo tempo fino a mezzanotte.

  11. che li ha convocati in sede per fargli sottoscrivere questo comunicato insensato per depistare il malanimo dei tifosi… ma adda venì

  12. Comunicato fatto da quella merda di Fabiani e fatto passare per comunicato scritto dai giocatori….Colantuono se era un uomo ed un allenatore con le palle doveva solo dimettersi ed invece il dio denaro regna sovrano….società assente in tutti i sensi….la vedo male….ma rassegnamoci finchè ci sarà Lotirchio la Salernitana dovrà lottare sempre per la salvezza in serie B. Vorrei sapere una sola cosa…dove sono ora i sostenitori di Fabiani e Lotito che su questa testata li ringraziavano perchè ci hanno portati in serie B e ci facevano lottare per i play-off???? Non vi leggo….

  13. Ben venga il derby con la Noceriella: altra vittoria a tavolino e altra radiazione in arrivo. Però c’è un piccolo particolare, per giocare il derby sia Cavaiuola che Noceriella dovrebbero salire dai campionati dove giocano che manco google sa quali sono. Io direi, a rigor di logica, è meglio essere realisti e continuare a usare creme anti infiammatorie per il deretano e a commentare sui forum della squadra del capoluogo. E scusateci se non vi veniamo a trovare sui quelli delle vostre squadre, abbiamo altro da fare visto che tifiamo per una squadra che gioca in un campionato professionistico.

  14. Io capisco il tuo rammarico, però permettimi un appunto. La società non ascolta la piazza da anni, l’esonero di Bollini non è stata una mossa per accontentare la piazza, ma il tipico colpo di scena per potere fare un mercato pessimo, indebolendo la squadra. Bollini aveva scoperto troppi altarini, soprattutto in merito al sign. Fabiani e per questo lo si è fatto fuori alla prima occasione. Il sign. Colantuono aveva probabilmente ricevuto delle garanzie che non sono state rispettate, d’altronde questa dirigenza ha nelle bugie e nel bieco operare in maniera poco chiara il proprio marchio di fabbrica. Mi dispiace, ma non sono daccordo che la squadra va sostenuta a dispetto dei Santi: retrocedere non è una tragedia peggiore di continuare questa agonia. Io credo che la contestazione debba essere fatta adesso e bisogna mettere Lotito di fronte ad una alternativa: o prende provvedimenti immediati contro personaggi come il signor Fabiani e prospetta un piano tecnico e aziendale per la Salernitana a lunga scadenza, fatto di competenza e progettazione a partire già da maggio, o si ritrova solo. E a quel punto credo che i tifosi debbano chiedere al Comune di esigere la restituzione della nominazione, marchi e dei colori sociali. Lotito si tenga la categoria ma chiami la squadra Lazio B. Noi ripartiremo, soffrendo, come è nella nostra storia, ma almeno con dignità e non con un cavalluccio mangiato dal’aquila.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.