Iannuzzi (Pd): «Green economy e beni culturali settori in crescita

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Tino Iannuzzi, deputato uscente e candidato democrat al Senato nel collegio uninominale Salerno-Scafati, lancia l’idea progettuale dell’istituzione di una scuola per la green economy nel Salernitano.

Con all’attivo tre legislature Iannuzzi, classe1960, avvocato, tenta la riconferma.Fra i parlamentari più presenti in Aula – è risultato terzo nella classifica – negli anni si è fatto promotore di una serie di iniziative per il territorio.

Iannuzzi punta su una scuola di formazione nel campo della Green economy e della valorizzazione e tutela dei beni culturali, archeologici, storici e artistici.  «Oggi – ha spiegato in conferenza stampa – siamo di fronte ad un mutamento del modello di sviluppo economico. Oggi siamo nel contesto dell’industria 4.0, per cui c’è bisogno di formare nuovi profili più specifici ed adeguati a questa evoluzione».

L’idea di puntare su Green economy e beni culturali nasce da una duplice constatazione. «In questo periodo di crisi – ha sottolineato – sono stati i comparti che hanno prodotto più occupazione, ovviamente considerandoli in senso ampio con riferimento all’industria agroalimentare e alla filiera dell’agricoltura di eccellenza, alla filiera turistica, alla valorizzazione e restauro di beni culturali, archeologici ed artistici, alla realizzazione di mostre ed eventi, alla formazione di guide altamente specializzate».

A sostegno di quanto affermato, il parlamentare salernitano ha reso noti dei: nel 2016 la Green economy ha offerto 330mila nuovi posti di lavoro; su una percentuale media di esportazioni del 24%, le imprese che lavorano in questo comparto hanno una percentuale del 44%. Salerno si colloca all’undicesimo posto tra le province italiane con un tessuto economico green oriented. Tra il 2011 e il 2016 ben 6.600 imprese hanno investito in questo settore, creando circa 4mila posti di lavoro a tempo indeterminato.

«A questo bisogna aggiungere tutte le possibilità offerte dalla filieraturistica – ha spiegato Iannuzzi – Il ministro Franceschini in questi anni ha saputo dimostrare che la cultura può essere anche un importante volano per lo sviluppo economico. Basti pensare che se nel 2013 i proventi derivanti dai musei erano di poco meno di 140milioni di euro, oggi ci attestiamo a 200milioni ». Ecco allora la proposta della scuola di formazione. «La scuola si dovrà concentrare soprattutto nello sviluppare le competenze digitali per progetti e corsi di studio adeguati alla domanda. Sarà fondamentale l’apporto dell’Università di Salerno e dei vari ministeri coinvolti. Ma sarà necessario anche il contributo delle imprese e delle loro organizzazioni di rappresentanza», ha concluso Iannuzzi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. ….ma chi te’ sap’!
    Te fai vede’ sulament’ quand ce stann’ le elezioni…. Si nu Quaquaraquà

  2. avessero fatto gli altri metà di quello che ha fatto lui in 17anni…se non sapete le cose prima di sparare a zero INFORMATEVI!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.