Hilarry e quel sogno realizzato: dalla Salernitana alla toga

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Hilarry Sedu ce l’ha fatta. Non a diventare calciatore professionista, quello è un sogno durato per poco tempo, spezzato come successo a tanti giovani da una lunga serie d’infortuni. Ce l’ha fatta ad abbattere i pregiudizi legati al colore della pelle, a farsi apprezzare e valutare per le proprie qualità, per la voglia di studiare e affermarsi. Hilarry ha 32 anni e da pochi giorni fa parte del comitato pari opportunità del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Napoli, nominato con un plebiscito di preferenze nella lista “Nuova avvocatura democratica”: “Ho preso quasi 800 voti, hanno compreso il mio messaggio, la mia storia” ha detto Sedu a ‘Il Corriere del Mezzogiorno’.

Quale storia? Quella che all’apparenza può sembrare una delle tante: arrivato dall’Africa, Nigeria per l’esattezza, ma a Napoli dalla prima infanzia, il padre nel nostro paese non c’è mai stato, la madre è stata la prima donna ad aprire un negozio di abbigliamento in Piazza Garibaldi negli anni ’90. Un segnale che la famiglia Sedu “voleva farcela” e pazienza se il sogno originale è svanito. Come tanti adolescenti connazionali, e non solo, Hilarry voleva infatti giocare a calcio. E c’era quasi riuscito: dopo aver vissuto a Castel Volturno all’età di 13 anni fu preso dalla Salernitana, che anche allora militava in Serie B. Anno di grazia 1999, quello successivo alla storica stagione in A dei granata. Cinque operazioni allo stesso ginocchio e il trapianto di cartilagine hanno spazzato via quasi tutto, ma non la voglia di studiare.

Già iscritto all’università, Sedu completò in un anno gli 11 esami mancati diventando avvocato nel 2013: poi un master in Politica migratoria e Diritto dell’immigrazione e l’abilitazione per esercitare. Ora eccolo qui, con davanti a sé una carriera luminosa. E tante belle idee, come quella di far passare lo “Ius culturae”: “Chi entra in Italia prima dei 14 anni e dimostra di aver completato i cicli scolastici deve diventare italiano”. Del resto fu proprio Sedu a scrivere di proprio pugno una memoria che proponeva l’istituzione della tanto dibattuta legge dello “Ius soli”, poi arenatosi. Mai dire mai, però, insegna Hilarry: il calciatore mancato diventato avvocato. Forse meno ricco, ma più felice e realizzato.

Fonte SPORTAL.IT

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Complimenti e un grande in bocca al Lupo, meglio l’istruzione che i lustrini dei riflettori, esempio che la cultura e lo studio sono i veri obbiettivi universalmente.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.