Al Museo Frac di Baronissi vernissage mostra di Antonio Ambrosino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sabato 10 marzo alle ore 18:30 presso il Museo “Frac” di Baronissi, apre al pubblico la mostra personale di Antonio Ambrosino dal titolo “K466 Allegro assai”. Curata da Massimo Bignardi la mostra è stata presentata, lo scorso autunno, all’Istituto Italiano di Cultura a Colonia e si avvale del patrocinio del Centro Documentazione Ricerca Artistica Contemporanea “Luigi Di Sarro” di Roma, del Comune di San Vito di Cadore e del Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi di Cortina d’Ampezzo.

«La mostra delle opere di Antonio Ambrosino – rileva il Sindaco Gianfranco Valiante –, rivolge l’attenzione a un giovane artista campano che da tempo opera tra Cortina d’Ampezzo e altre città dell’Europa centrale. Un’esposizione prodotta dal Fondo Regionale d’Arte Contemporanea di Baronissi unitamente ad altri enti museali e a fondazioni private, che ha visto il suo primo allestimento a Colonia, presso l’Istituto Italiano di Cultura e oggi si propone negli spazi del nostro Museo-FRaC: è la testimonianza della validità del nostro intendere la promozione culturale, disponendola al confronto, all’incontro con altre realtà, al tempo stesso una chiara risposta alle proposte dei giovani artisti dell’intera Campania».

Sulle pareti della Galleria dei Frati, poco meno di quarantacinque opere sculture in silicone, terracotta, maiolica, ceramica, fotografie, direct print e disegni, realizzate in questi ultimi anni. Dalla serie di stampe fotografiche montate su alluminio Dibond, dal titolo Naturalmente sguardi, avviata negli ultimi sette anni, in pratica dal 2011, nella quale si afferma un processo di consapevole e raggiunta astrazione a quella dal titolo Encode in silicone. A questi primi due cicli di opere si aggiunge la serie degli Attimi in blu realizzata tra il 2017 e quest’anno.

«Una certa irrequietezza stilistica – scrive Bignardi nel testo al catalogo –, è il dato che emerge dalle esperienze creative di Antonio Ambrosino realizzate in quest’ultimo decennio. Sia chiaro, non mi riferisco alle pratiche con le quali l’artista approccia il vitalismo del suo immaginario, quanto al fondamento che sostiene la sua necessità di costruire un dialogo con la propria identità esistenziale. Parafrasando quanto Calvino scriveva per la letteratura, possiamo dire che per Ambrosino l’esperienza dell’arte è, innanzi tutto, astrazione e formalizzazione.

Mi spiego: il processo di contatto con il mondo, dunque con quella che comunemente chiamiamo realtà, avviene per l’artista attraverso il filtro dell’astrazione, generalmente tendente a scoprire la vitalità del segno che, nella dimensione pittorica quindi d’immagine legata ad uno “spazio”, appartiene alla percezione visiva. Di qui il suo costante riferimento ad immagini cariche di un analogismo che sfiora il ready-made, cioè di pitture già fatte, pronte per l’“uso”, ovvero quelle che l’artista osserva nelle frequenti e continue perlustrazioni messe in campo dalla visione».

Antonio Ambrosino è nato a Napoli nel 1982 e si forma presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli ove si diploma in Scultura. Avvia la sua attività espositiva già nel 1998 con la partecipazione al Premio in onore delle celebrazioni Leopardiane di Torre del Greco (NA). Nel 2005 allestisce, presso la Galleria Selezioni d’Arte di Salerno, la sua prima mostra personale Tracce del corpo e partecipa al XVI Premio Camposauro di Vitulano (BN) nonché al Premio Vigna degli artisti di Vinci (FI), dove riceve una menzione speciale per Breath, realizzata con la collaborazione di Tommaso luliano, opera successivamente acquisita dal Museo FRaC, Baronissi (SA).

Nel 2007 è tra gli artisti invitati alla mostra collettiva “Echi Temporanei” tenutasi ancora presso il Museo FRaC. Nel 2008 figura alla XIII Biennale d’Arte Sacra presso il Museo Stauròs d’Isola del Gran Sasso (TE), mentre nel 2009 partecipa a varie mostre collettive tra cui: “Persistenze sul confine dell’immagine. Ripensando ad Andrea Pazienza” presso il MAT-Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo (FG); “La Défense – priorità dello spazio, necessità del tempo” allestita presso Fës Show Room di Minori (Sa) nell’ambito di “Aperto09” rassegna di arte contemporanea e ancora “Magical Mystery Tour” alla Galleria Wunderkammern di Roma.

Nel corso del 2010 ha partecipato alla rassegna “I cortili dell’arte” tenutasi a Villaricca (NA), ed è stato invitato alla IV edizione del Premio Razzano che si tiene a Benevento rientrando tra le migliori opere realizzate. Nel 2010 inoltre è stato artista in residenza al Grad Kultural Center, Belgrado (Serbia). Nel 2011 con l’opera Essenteesistper chi sonoesistpechfu espone a Palazzo di San Galgano a Siena, alla chiesa dei Bigi a Grosseto e alla Chiesa dell’Annunziata a Marcianise nonché alla rassegna “Prefigurazioni.

Una parete per l’arte” presso lo show room Tekla di Cava de’ Tirreni e a “Prefigurazioni-Linguaggi Attuali” ospitata al FRaC. Del 2012 è la mostra personale “Luoghi e dinamiche dell’essere” allestita a Ferrara. Nello stesso anno è invitato a “Green dreams – sguardi della giovane arte campana” allestita nel Tempio di Pomona di Salerno, e “Interrail un viaggio nell’immagine” presso la galleria Art’s Events-Centro Arte Contemporanea di Torrecuso (BN).

Nel 2014 espone l’opera Essente, esistper chsonoesisto per chfu dapprima a Capalbio nella rassegna “Arte e Vino” e successivamente al concorso Show Yourself@Gallery del Museo Madre di Napoli. Il 2015 lo vede concorrere in TWO CALLS per la sezione WALL (nuovo spazio di Casso) indetto da Dolomiti Contemporanee con l’opera/progetto “Con la testa tra le nuvole ma con i piedi nella terra” che rientra nei primi 70 selezionati.

Dello stesso anno le mostre “Incontri ravvicinati” presso Palazzo Ventimiglia di Stella Cilento (SA) e “UTOPOLIS La città visibile” presso Cassero Senese di Grosseto. Nel 2016 è artista in residenza per il Das Fürstliche Gartenfest presso la Schloss Fasanerie di Fulda, con l’installazione Ithat timetoo many lions will have the heart ofthdonkey.

Sempre del 2016 è la sua prima mostra personale a Cortina d’Ampezzo dal titolo “La forma del tempo” presso il Museo Paleontologico Rinaldo Zardini ed inoltre espone alla mostra collettiva “Cammina leggero perché cammini sui miei sogni”. In autunno del 2017, la personale a Colonia promossa dall’Istituto Italiano di Cultura. Vive e lavora a Serdes, frazione di San Vito di Cadore.

Accompagna la mostra il catalogo pubblicato da Antiga Edizioni, il volume monograficoK466 Allegro assai curato da Massimo Bignardi, con apparati biografici e bibliografici ed un corredo illustrativo a colori e in bianco e nero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.