Domenica all’Arechi in palio non solo i 3 punti ma anche l’onore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Se nel calcio esistono partite decisive, il derby di domenica è la madre di tutti i crocevia, sia per la Salernitana che per l’Avellino. Irpini che non hanno giocato la scorsa settimana per lo stop alle partite in segno di lutto per la morte di Astori. Per l’Avellino il derby dura dalla gara d’andata da quel Minala al 96esimo che ha frantumato il Partenio materializzando l’incubo peggiore per la tifoseria di casa. Un girone dopo l’Avellino che arriva a Salerno ha in mente una sola parola: rivincita. Per i lupi un altro ko, anche se in trasferta suonerebbe come una condanna sportiva definitiva dopo la rimonta subita al Partenio.

Di contro la Salernitana ha ripreso ossigeno grazie ai tre punti di Ascoli, ha potuto diluire la tensione e parte con il vantaggio di aver espugnato il Partenio. A favore c’è anche la tradizione perché nei derby la Salernitana di Lotito e Mezzaroma, negli ultimi 7 anni, all’Arechi, hanno sempre fatto un sol boccone degli avversari: 13 vittorie e 4 pareggi dalla D alla B.

Arechi che quest’anno è diventato un tabù. appena tre le vittorie granata nell’impianto di Via Allende: due sotto la gestione Bollini una con Colantuono in panchina. Una vittoria è fondamentale per allungare sulla zona play out e riaccendere la passione. Vincere è l’imperativo, ora come non mai, perché solo vincendo si riaprirebbe un contatto con la tifoseria sempre vicina alla squadra ma delusa dalla stagione e dagli atteggiamenti societari. Anche ieri il cambio di programma allenamento a porte aperto prima poi chiuso.

Ennesimo colpo al cuore ad una tifoseria continuamente mortificata con la Salernitana che sembra da anni un avamposto militare in territorio nemico. Non è così. La Salernitana è dei salernitani e sarebbe opportuno aprire le porte agli allenamenti per avvicinare la gente alla squadra di calcio cittadina. Almeno una volta a settimana senza se e senza ma. Tornando alla partita di domenica una vittoria nel derby diventerebbe robusta iniezione di ricostituente per la classifica, per il morale dell’intero ambiente, per l’umore di un gruppo ormai scompigliato dal vento di polemiche e avvelenato dalle polemiche. 3 punti e via verso una serie di trasferte durissime. Il campionato entra nella fase cruciale e il match con l’Avellino fa da prologo. Chi ben comincia…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.