Fine settimana per pulire scuola, torna campagna Legambiente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ritorna in Campania l’appuntamento con Nontiscordardimé – Operazione scuole pulite, la campagna annuale di Legambiente dedicata alla qualità e vivibilità degli edifici scolastici e giunta quest’anno allaventesima edizione. Un compleanno speciale che l’associazione ambientalista festeggerà, il 16 e 17 marzo, con il mondo della scuola e con tutti coloro che parteciperanno a Nontiscordardimé all’insegna della cittadinanza attiva, del volontariato ambientale e dell’impegno sociale.

Anche quest’anno protagonisti indiscussi della due giorni di Legambiente saranno ragazzi, bambini, insegnanti, volontari e genitori che si daranno da fare per rendere le scuole più belle e accoglienti attraverso piccoli lavori di riqualificazione: come rinfrescare le pareti di classi e corridoi, abbellire con piante e fiori i cortili, ripensare la sistemazione delle aule e degli spazi comuni. Oltre a migliorare la qualità della vita nelle scuole, la campagna di Legambiente si pone tra gli altri obiettivi quello di avviare un confronto sui temi ambientali,far crescere il senso civico e la consapevolezza di appartenere ad una comunità scolastica dove il contributo creativo di ognuno è prezioso.

In Campania saranno oltre 5000 i ragazzi che saranno protagonisti di tante piccole azioni per abbellire gli spazi scolastici con: murales, disegni, orti in cortile; ed ancora pulizie delle aule e ritinteggiatura delle pareti. Tra i vari eventi in programma, l’evento di punta sarà il 16 marzo a Napoli dove, dalle ore 10.30 alle 12.30, gli alunni dell’Istituto Comprensivo Radice Sanzio Ammaturo plesso S. Francesco vicinanze dell’Ospedale San Giovanni Bosco, realizzeranno nel corso della giornata, insieme ai volontari e ai responsabili di Legambiente Campania, un murales e la piantumazione di piante nel giardino scolastico.

“Con Nontiscordardimé – spiega Francesca Ferro, direttore regionale Legambiente – da vent’ anni diamo vita ad una vera e propria operazione di coesione della comunità scolastica riducendo anche le distanze tra genitori e insegnanti, tra ragazzi e adulti. “Nontiscordardimé è un’importante palestra di volontariato che coinvolge e valorizza ciò che fa la comunità scolastica per la cura ed il miglioramento della propria scuola. L’esperienza di Nontiscordardimé ha mostrato come molte scuole hanno fatto della cura e della partecipazione alla gestione della propria scuola un modus operandi permanente. Questi cantieri hanno contribuito a far diventare la scuola sempre più luogo eccellenza, portatrice di una cultura del cambiamento e attenta ai bisogni strutturali, ambientali ed educativi.

Allo stesso tempo – conclude Francesca Ferro – però chiediamo che sul fronte dell’edilizia scolastica si compiano passi importanti: secondo gli ultimi dati di Ecosistema scuola in Campania il 57,6% degli edifici necessita di manutenzione urgente. Il 90,5% degli edifici che si trovano in aree a rischio sismico ma solo 2 su 10 sono stati costruiti secondo criteri antisismici, e solo nel 28,5% degli edifici è stata eseguita la verifica di vulnerabilità sismica.Un patrimonio edilizio vecchio, se si considera che il 61,2% risulta edificato antecedentemente all’entrata in vigore della normativa antisismica del 1974. Inoltre, assolutamente deficitarie le indagini diagnostiche sui solai, solo il 2,1% degli edifici sono stati oggetto di controlli, il 7,2% ha beneficiato di interventi di messa in sicurezza dei solai nel 2016.

Nontiscordardimé – Operazione scuole pulite rappresenta una delle tante tappe del progetto “Eco-made: percorsi di GreenSocialEconomy”, progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Legge 383/00, promosso da Legambiente Campania in partenariato con Comitato Don Peppe Diana e Macrostudio e la collaborazione di altre realtà associative campane. Durante la giornata di Legambiente, grazie alle rete di contatti con consorzi, e aziende che da anni collaborano con l’associazione è stato recuperato materiale riciclato da trasformare in eco-allestimenti e eco-arredamenti che saranno utilizzati per allestire delle eco-aule all’interno degli Istituti Superiori  scelti nei comuni di Campagna, Battipaglia e Agropoli in provincia di Salerno, a Napoli e Torre Annunziata in provincia di Napoli e Aversa e Maddaloni in provincia di Caserta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.