Picchiava la madre e la teneva al guinzaglio, arrestato un 21enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Botte, minacce, estorsioni ma anche pesanti umiliazioni per otto anni. È quanto ha dovuto subire una donna di Sanremo che si è vista persino strattonata al guinzaglio da suo figlio, un ragazzo di 21 anni con problemi psichici e tossicodipendenza. Le violenze sono cominciate quando il ragazzo aveva 13 anni, con aggressioni fisiche e verbali ad ogni “no” della madre alle continue richieste di soldi.

Spesso il giovane obbligava il genitore ad indossare il guinzaglio, trascinandola con il collare indossato e facendola scivolare sul pavimento. Questo “gioco” perverso – spiega la polizia  – andava avanti anche per mezzora, fino a quando la madre, esausta e sul punto di soffocare, veniva liberata.

Una realtà che si ripeteva quasi quotidianamente, “che vedeva spettatori attoniti e passivi il padre – che era arrivato a dormire sul furgone da lavoro per ridurre al minimo i contatti col figlio – e la sorella, che non osava dire niente perché terrorizzata” spiega la polizia.

Anche i vicini, secondo quanto emerso, erano spaventati ed evitavano di riconoscere il dramma che si consumava in quella casa. Interpellati più volte dalle forze dell’ordine, i coniugi avevano sempre negato di ricevere maltrattamenti, escludendo il figlio da ogni responsabilità, nonostante le numerosi ecchimosi che la madre presentava sul corpo.

Dal 2013 al 2017 il ragazzo ha trascorso il tempo tra carceri e comunità di recupero, ma una volta dimesso dalle strutture riabilitative, tornava a casa e riprendeva a maltrattare la madre. Solo dopo essere stata bersaglio dell’ennesima aggressione, così violenta da procurarle la rottura di una costola, la donna ha deciso di denunciare tutto alla polizia. Ad inizio febbraio si è rivolta agli assistenti sociali e al Centro Antiviolenza di Imperia che hanno accolto lei e sua figlia in una comunità.

Il giovane è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni ed estorsione. A seguito della perquisizione nell’appartamento, trovati anche trecento grammi di marijuana. “Una vicenda drammatica – sottolinea il Questore di Imperia Cesare Capocasa – connotata da violenze fisiche e psicologiche incontrollate e reiterate, manipolazioni, ricatti, offese, umiliazioni, privazione della libertà personale, da parte di un figlio nei confronti della madre, il genitore più debole che non sa come reagire e difendersi. Da queste situazioni si puo’ uscire. Chiamateci sempre”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.