Fonderie Pisano, minacce a Lorenzo Forte su Facebook: la solidarietà della Cisal

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“Sulle Fonderie Pisano rischiamo di dare vita a una guerra tra poveri senza precedenti. Si stanno perdendo di vista gli obiettivi principali: la delocalizzazione della fabbrica e la salvaguardia dei posti di lavoro”. Così Luigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, torna a parlare della vertenza dell’opificio di Salerno.

“In questi giorni ho sentito i sindaci dell’Alto Sele schierarsi contro l’idea dell’apertura della nuova fonderia in zona. Lo ritengo un no miope e privo di contenuti. Si tratta dell’ennesimo no detto solo per evitare di perdere consensi politici”, ha spiegato Vicinanza.

“Alla gente va spiegato la nuova fonderia, grazie alle nuove tecnologie di questi anni, è sicura e non dannosa per la salute. Non riesco a capire perché in altri Paesi tutto questo venga fatto senza i soliti ambientalisti di facciata, che si oppongono anche al progresso dei tempi moderni.

L’attuale struttura non è idonea e lo sostengono anche i magistrati che hanno aperto un’inchiesta sulla vicenda, ma se rispettati tutti i criteri l’azienda Pisano può diventare una risorsa per tutto il territorio”.

Poi la solidarietà a Lorenzo Forte, responsabile del Comitato “Saluto e Vita”. “Il diritto alla salute, dei lavoratori e dei cittadini, resta la stella polare di questa mia battaglia. In queste ore ho assistito a vere operazioni squadriste nei confronti dell’ex consigliere comunale di Salerno, Lorenzo Forte, portavoce del comitato “Salute e Vita” – ha continuato Vicinanza. “In primis è stato diffuso, da persone vicine all’azienda, l’indirizzo di residenza di Forte.

Si tratta di qualcosa di veramente pericoloso. Se verrà aggredito da lavoratori esasperati di chi sarà la colpa? Infine, su una pagina Facebook vicina agli operai della Pisano, è comparso l’hashtag #lorenzotrovatiunlavoro.

In tempi di cyberbullismo lo ritengo inaccettabile. Ho segnalato il post agli amministratori di Facebook, ma non ho ottenuto risultati. Spero che il questore di Salerno, Pasquale Errico, adotti tutte le misure del caso.

A Forte va la mia solidarietà. Su alcuni punti la battaglia del comitato è anche la mia, su altri invece c’è tanto da discutere. Tuttavia, il confronto non deve mai sfociare in violenza di qualsiasi tipo. Lo ricordo a tutti: le priorità sono delocalizzazione della fonderia e salvaguardia dei posti di lavoro.

Chi sposta la battaglia da questi temi è un folle. Spero che la Regione Campania, quanto prima, attivi gli ammortizzatori sociali per gli operai che hanno ricevuto le lettere di licenziamento”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ha ragione … non ci nascondiamo … ho visto il servizio ieri sera su rai 3 … mi ha molto colpito… in negativo per la Città di Salerno ed il suo sistema ….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.