La girandola alla Casa Bianca (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In poco più di un anno di mandato Donald Trump sta dimostrando che si può importare nella sacralità repubblicana della Casa Bianca il rito profano del talent show.

A pagare per i presunti capricci del Presidente sono gli uomini a lui prossimi.

Poche sono le donne nell’Amministrazione e quelle che ci stanno, resistono in quanto lontano dal cono di luce. Il riflettore è ora puntato su due figure chiave della politica estera americana, che è poi la politica estera dell’Occidente. Nell’attesa che l’Europa si dia la propria.

Rex Tillerson era il Segretario di Stato. Prelevato dalla ExxonMobil, dove aveva meritato il riconoscimento della Russia per gli affari reciprocamente vantaggiosi con Mosca, Tillerson era l’esponente businnes – oriented dell’Amministrazione. Pochi slanci ideologici e molto pragmatismo. Chi conclude gli affari vuole la soddisfazione dell’interlocutore, non fargli la guerra a parole se non nei fatti. Di qui il suo approccio poco muscolare alla Corea del Nord.

Se il Presiedente nordcoreano insegue una vittoria di prestigio, essendo quella sul terreno militare palesemente impossibile con il “nemico” americano, allora riconosciamogli un ruolo. Di qui il lavorio diplomatico di Tillerson per spingere Kim e Donald all’incontro diretto.

Una stretta di mano è quanto serve all’asiatico per vedere riconosciuto il suo ruolo nel mondo. Tillerson era stato di fatto deprivato del dossier Medio Oriente. A favore non di altra autorità istituzionale ma del genero del Presidente, quel Jared Kushner che poteva vantare, oltre alla familiarità col suocero, il fatto di provenire da una  famiglia ebraica influente e amica da tempi insospettabili del Primo Ministro d’Israele.  Tillerson è sostituito da Mike Pompeo, già Direttore CIA, noto  per l’origine italiana e  le idee conservatrici.

A stretto giro, il Presidente rimpiazza anche il Consigliere per la Sicurezza Nazionale. Al posto del Generale McMaster nomina l’Ambasciatore John Bolton. I due personaggi, l’entrante e l’uscente, sembrano smentire il luogo comune che vuole il militare incline alla guerra ed il diplomatico incline al negoziato.

Il militare conosce la guerra sul terreno e sa quante sofferenze arrechi persino al vincitore: la evita nella misura del possibile. Il diplomatico discetta della guerra come del gioco degli scacchi, dove mangi i pedoni e quelli risorgono alla partita successiva.

Di Bolton si ricordano i trascorsi alla Rappresentanza Permanente presso l’ONU, dove difese l’invasione dell’Iraq sotto la Presidenza di George W. Bush,  ed i discorsi da opinionista alla rete Fox News. Al nocciolo il suo pensiero è che gli Stati Uniti hanno il diritto di intervenire nelle crisi del mondo per fare valere il loro peso e la loro visione.

Il volto dell’Amministrazione è già pugnace. La lotta dei dazi con la Cina e parte del resto del mondo ne è la prova. Il Presidente doveva tenere fede alla promessa elettorale di migliorare la bilancia dei pagamenti riducendo le importazioni dall’estero. Non dall’Unione europea, almeno per ora, ed infatti Bruxelles gode dell’esenzione provvisoria fino a maggio.

La Cina risponde in maniera blanda, probabilmente consapevole che uno sbilancio così netto a suo favore non è alla lunga sostenibile. Pechino cede sul commercio in cambio del silenzio americano su altri fronti, ad esempio quello sempre discusso del rispetto dei diritti umani.

Le elezioni di metà termine al Congresso sono la scadenza cui guarda l’Amministrazione USA. Dopo il 2016 saranno la prima prova della tenuta elettorale del Presidente e del Partito Repubblicano.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.