Bucava gomme delle auto per estorcere denaro o favori personali, identificato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de’ Tirreni hanno eseguito una ordinanza applicativa di misura cautelare personale del divieto di dimora nel comune metelliano nei confronti del cavese M.B., 50 anni, ritenuto il “buca pneumatici seriale” di Cava de’ Tirreni. L’uomo infatti, si è reso responsabile di numerosi danneggiamenti ad autovetture alle quali sono stati forati gli pneumatici a seguito di richieste estorsive di danaro non accolte, effettuate in danno di conoscenti, negozianti ed anche familiari, nonché di amministratori pubblici di Cava de’ Tirreni, al fine di ottenere  favori o vantaggi non ricevuti.

Le indagini sono iniziate a seguito del danneggiamento con foratura delle ruote delle autovetture del Sindaco e dell’ allora Vice-Sindaco del Comune di Cava de’ Tirreni, avvenuti nel mese di dicembre 2017. Gli investigatori hanno avviato un’articolata attività info-investigativa, raccogliendo anche numerose denunce di persone che avevano subito analoghi danneggiamenti alle loro auto, episodi inspiegabili per le vittime, che avevano creato un notevole allarme nella cittadinanza, ingenerando anche fra i cittadini del centro metelliano la preoccupazione della presenza di un “buca pneumatici seriale”.

Gli elementi acquisiti dal Settore Anticrimine del Commissariato di Cava de’ Tirreni, anche attraverso la ricostruzione dei vari episodi delittuosi, l’analisi delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, sia cittadine che private, e l’attività di riscontro che consentiva di recuperare un grosso punteruolo usato per bucare gli pneumatici, convergevano tutti sul predetto M.B., il quale si era reso responsabile di numerosi reati, tra cui:  danneggiamento delle autovetture del sindaco e del vice-sindaco di Cava de’ tirreni per ritorsione circa favori chiesti e non ricevuti; danneggiamento nei confronti di imprenditori cavesi che non gli avevano procurato un lavoro; estorsioni nei confronti di vari commercianti cavesi per assicurarsi piccole somme di danaro; estorsioni nei confronti degli stessi suoi familiari sia per assicurarsi piccole somme di denaro e sia per indurli ad accettare accordi sui beni di famiglia.

Le attività effettuate venivano riferite all’Autorità Giudiziaria che riteneva il cinquantenne M.B. responsabile, in particolare, dei reati di danneggiamento con arma bianca, estorsioni e lesioni e gli applicava la misura cautelare personale del divieto di dimora nel comune di Cava de’ Tirreni, tesa ad evitare che lo stesso potesse continuare nella sua attività delittuosa seriale. M.B. è stato, pertanto, accompagnato fuori dal comune di Cava de’ Tirreni.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. fateci sapere in quale comune è stato accompagnato così sappiamo a chi rivolgerci se troviamo le ruote bucate.
    Che elemento, che elemento!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.