‘Basta con ridicole rivalità Napoli – Salerno’, la lettera

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
20
Stampa
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Riccardo, inviata alla nostra redazione, in relazione all’articolo dal titolo ‘Salerno: furto di portafogli al mercato rionale di Torrione’

Gentilissimo Direttore, purtroppo devo leggere l’ennesimo articolo “anti napoletano” presente nel vostro giornale on line, sicuramente sarò noioso però articoli confezionati in questo modo sono inaccettabili dai tanti “partenopei”, sopratutto quelli che hanno scelto di vivere e lavorare a Salerno e, mi creda, anche da tanti salernitani.

Noto però con piacere che mentre nei precedenti articoli avevate la certezza (senza prove) che il venditore di calzini fosse di “chiare origini partenopee“, oppure che le gesta dei tifosi del Nola fossero definiti come intemperanze dei tifosi partenopei”, adesso quantomeno avete aggiustato la mira ponendo un ragionevole dubbio:

“pare che la ladra possa essere una donna, forse proveniente dall’area napoletana”.

Ovviamente la parola magica è “forse”, quindi forse cominciano a vacillare le vostre certezze, indubbiamente non è ancora il top, ma sono sicuro che col passare del tempo migliorerete i vostri articoli magari sottoponendo il vostro redattore ad un corso individuale accelerato su cosa è realmente Napoli e i veri napoletani, tutto ciò con il vantaggio di rappresentare onestamente un maggior bacino di utenza e non solo quei lettori che si identificano nella stupida anti napoletanità.

Gentilissimo direttore, io sono un meridionalista convinto, ho scelto di vivere a Salerno e non ho nessuna voglia di polemizzare con lei, non creda che io non sia critico con altre testate soprattutto in difesa della nostra città, ma deve rendersi conto che certi articoli così redatti potenzialmente dividono e non uniscono due città che per tanti motivi dovrebbero essere vicine e solidari tra loro, bisognerebbe lavorare non poco su questo anziché dividere, non basta la ridicola rivalità sportiva resa esasperata, per fortuna, solo da minoranze, sono tanti i napoletani che vivono a Salerno, sono tanti i salernitani che ogni mattina si recano senza problemi a Napoli per lavoro, perché nei vostri articoli dovete regolarmente sottolineare una dubbia provenienza denigrando sempre Napoli ?

Non le ricordo tutte le bellezze di Napoli, la sua storia, la sua cultura, i suoi uomini illustri, ma non le ricordo nemmeno di come tutte le politiche passate si siano “mangiate” la città e invalidato lo sviluppo di una regione, non le ricordo di come sia stato devastato il nostro territorio da un connubio camorra/imprenditori del nord, e la camorra non è più un fenomeno locale avendo oramai radici internazionali e coperture di una certa politica, non e ricordo che la meglio gioventù fugge dalle nostra regione, non le ricordo la rovinante disoccupazione, non le ricordo tutto ciò perché sono sicuro che lei, come giornalista e come uomo, probabilmente è molto più erudito di me, ma… cerchi di fare un salto di qualità, di non rappresentare un semplice giornale locale che a volte sostiene ridicole rivalità, sia critico a ragion veduta e sorregga con tutte le sue forze questo meridione che non offre un futuro ai nostri figli e che precipita sempre più giù, grazie,

Riccardo R.

“di chiare origini partenopee”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

20 COMMENTI

  1. Non posso far altro che plaudere alla correttissima e particolareggiata lettera del signor Riccardo che ha spero una volta per tutte stigmatizzato l’inutile ed antisociale comportamento di chi, non comprendendo la forza della cooperazione, denigrare una grande realtà come Napoli umiliandone il suo popolo.
    Napoli e Salerno rappresentano delle vere eccellenze del meridione e solo dalla collaborazione sarà possibile creare interscambiabilità nella promozione del territorio oltre confine.
    Almeno voi giornalisti ed editori fate la vostra parte dando maggior risalto a tutto quanto può unire respingendo ed additato tutto quanto vuole dividere.

  2. Formisano sapientone e qualunquista, il punto è la delinquenza o la fama non hanno appertenenza, possa essere la o il ladro in questione di Salerno, Napoli, città del Capo o Londra, posso io stare a fare il punto se tutte le persone che vengono da questi luoghi sono o meno gente dalla quale prendere le distanze e posizione? L’idea borghese sul ladro fa in modo tale da leggittimare gli stessi a incrementare il loro punto di mira verso chi ha più di loro, tanto sono già considerati scoria di questa società che li ripudia, quindi carcere o espulsione sono cose di poco conto per loro. Per quanto riguarda la stucchevole polemica tra Napoli e Salerno mi fa cadere le braccia da Salernitano all’estero vedere che la competizione si sposta dal calcio alla vita quotidiana dei cittadini visto che si è sempre servile con i potenti e perbenisti/bepensanti /nazionalisti su i poveri. iniziate ad alzare il tiro su chi ha messo la merda sotto il naso dei campani, chi rubba e corrompe e si serve della camorra, su chi si fa i soldi su gli immigrati e non gestisce l’ntegrazione,la disoccupazione etc etc Tutto el resto è noioa..

  3. Caro Riccardo, se non le piace la mentalità dei salernitani è libero di tornare a casa madre. Cosa vuol dire meridionalista? Per me Belluno va rispettata come Foggia, questa voglia di unire il sud sotto la bandiera di Napoli è una ossessione di voi napoletani che non ha per niente senso, il regno borbonico è morto e sepolto. Buonasera e avanti Salerno

  4. La rovina dell’Italia sono proprio i Meridionali sti, i Padani, i Neoborbonici e tutti quei movimenti che tendono a dividere L’Italia in due blocchi , a differenziarsi, purtroppo i napoletani hanno la mentalità antitaliana anti-unitari, via i secessionisti dall’Italia!! NO CENSURA

  5. il rispetto si deve conquistare tanti napoletani su questo sito offendono la nostra città e non ho visto napoletani che prendono le distanze mi chiedo perchè noi Salernitani dovremmo rispettare i napoletani

  6. Premetto che sono salernitano,mia moglie e’ napoletana,i miei figli sono nati a Napoli e uno di loro e’ anche tifoso del Napoli.Ho vissuto fino a pochi anni fa a Napoli ma poi d’accordo con la mia famiglia abbiamo deciso di trasferirci a Salerno.Perche’?Perché Napoli è invivibile,ci sono dei bellissimi posti da vedere e dei bellissimi monumenti ma poi senza essere volgare devi stare con cento occhi aperti anche quando vai in bagno per non essere derubato e non mi soffermo sugli altri problemi che rendono la vita “difficile”. Lei forse lo ha dimenticato perché non frequenta più la sua città d’origine io no perché tutti i giorni mi reco a Napoli e certe cose le vedo.A Napoli c’è tanta brava gente ma anche tanti delinquenti talmente tanti che vanno in”missione”in tutta Italia compresa Salerno dove è un dato di fatto che ladri o truffatori che vengono fermati dalle forze dell’ordine siano napoletani.Percio’ non si attacchi alla solita discriminazione contro i napoletani perché non è vero e come ha detto lei i salernitani vanno a Napoli e i napoletani vengono a Salerno senza alcun problema ma non si può negare che molti dei delinquenti che girano per Salerno siano napoletani.

  7. Sono perfettamente d’accordo. Purtroppo questo modo di fare e di attaccare i napoletani a prescindere ha un nome e cognome, quindi un padre………tuttavia in tanti ancora non si sono resi conto che il padre ha cominciato a cambiare idea per ovvie ragioni. Aspettiamoci che anche i figli comincino a capirlo……..Purtroppo rimaniamo dei provinciali dove anche il pensiero ci facciamo imporre………..

  8. Chi conosce la STORIA comprende che un cilentano o un lucano sono differenti da un napoletano e giustamente rivendicano le origini e tradizioni diverse(briganti e mai borbonici per intenderci).
    Allora siamo tutti differentemente meridionali, con proprie culture alla base, il punto è che i napoletani si sentono ancora i “Capopopoli di tutti i meridionali”, non rispettano le culture differenti nel mondo e a maggior ragione quelle vicino casa loro(basta vedere come si comportano nelle città balneari salernitane e calabresi in agosto).
    Napoli non mi rappresenta, orgoglioso della sua bellezza e dei suoi personaggi illustri, ma caro Napoletano perbene …..lo sai anche tu che la massa fa massa.

  9. vivere in una città metropolitana non significa essere “non provinciale”, se la massa di un popolo(per lo più emigrata) vive il mondo e le altre culture come qualcosa che si deve adattare al proprio “modus vivendi”, ti dico che i veri provinciali a livello planetario sono loro.

  10. Da quanto scrive questo signore per lui vendere calzini molestando le persone, rubare e truffare anziani è un lavoro, visto che dice che molti napoletani vengono a Salerno a lavorare per questo deduco che sia anche lui come loro. Le brave persone a Napoli ci sono ma sono troppo poche rispetto alla gentaglia, quindi concludo col dire, non difendete l’indifendibile. A merd rest merd!!!
    Salernitani altro stile.

  11. Dopo aver letto i commenti posso solo pensare e dire che Salerno, anche la MIA Salerno perchè lo sono e ne sono fiero è divetata come Springfield dei Simpson. La prossima volta ci manca solo che si radunino tutti i popolani con i forconi e le torcie di fuoco, per andare a caccia di napoletani e immigrati. complimentoni…sappiate che dobbiamo conoscere anche quello che di dice di Salerno dentro e fuori dalla Campania per renderci conto di quello che pensano di noi, piittosto di pensare come dei signorotti poveri intellettualmente.

  12. Salerno e Napoli, pur essendo divise da una purtroppo breve distanza, hanno connotazioni geografiche e sociali completamente diverse: metterle sotto lo stesso cappello amministrativo regionale fu una forzatura all’epoca ed ancora oggi non vedo punti di contatto. Non penso ci sia molto in comune fra salernitani e napoletani, preferisco una contiguità territoriale con la Basilicata e la Calabria piuttosto che con Napoli.

  13. Per il signor Guido. Napoli è una metropoli e come tutte le metropoli sono anche invivibili per ovvi motivi, ma Salerno essendo una città media non si dimostra tanti migliore. In una città come Salerno traffico smog delinquenza disordine e sporcizia non dovrebbe esserci ma neanche un po’.
    Invece sicuramente inferiore a Napoli ma cmq facendo un raffronto in base alla popolazione forse se Salerno avesse al posto di 135000 abitanti ma 900000 e passa sarebbe peggio di Napoli. Quindi prima di parlare azionare il cervello. Anche io che sono nato a Salerno non vivrei a Napoli ma neanche a Salerno città infatti vivo a San mango che essendo un piccolo centro è di gran lunga più vivibile anche di Salerno stessa

  14. Fiero di essere salernitano. Prenderò sempre le
    Distanze da napoli.
    È il
    Cancro di questa regione e di tutto il
    Sud

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.