“Salerno La città dei pazzi”, Cammarota: «Inaccettabile, tuteleremo la nostra gente»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
“Leggiamo su alcune testate nazionali spesso non gentili con la gente del sud che Salerno sarebbe “la città dei pazzi”, per cui un cittadino su tre sarebbe affetto da patologie degne di cura. Ovvero, ogni tre persone, una sarebbe …pazza. Tutto questo è inaccettabile”.

Lo dichiara in una nota il Presidente della Commissione Trasparenza avv. Antonio Cammarota.

“Un conto è criticare il potere o una classe politica di un territorio, ed è legittimo”, afferma Cammarota, “tutt’altro è gettare fango sulla nostra terra e sulla nostra gente definendo la nostra la città dei pazzi, un’offesa che ricade su tutti noi”.

“Ho chiesto alla conferenza dei capigruppo di votare nel prossimo consiglio comunale del 17 aprile una mozione che difenda Salerno da accuse così infamanti anche in sede giudiziaria”, conclude Cammarota, che annuncia che, in ogni caso, “l’associazione La Nostra Libertà proporrà denuncia querela nei confronti di chiunque, senza fondamento scientifico, abbia offeso il nome e la città di Salerno”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Ecco non mi sbagliavo allora,ma secondo me non è solo Salerno a primeggiare in questa classifica.

  2. Un collante ideale per liberare gli ultimi
    Claudia Fanti
    il manifesto
    03.04.2018

    SCAFFALE. «Psicologia della liberazione», a cura di Mauro Croce e Felice Di Lernia

    Ignacio Martín-Baró

    Nel cinquantesimo anniversario della Conferenza dell’episcopato latinoamericano di Medellín, vero atto di nascita di una Chiesa autoctona liberatrice e profetica, la pubblicazione dell’opera di Ignacio Martín Baró – uno dei gesuiti della Uca (l’Università centroamericana di San Salvador) assassinati il 16 novembre 1989 dalle forze armate salvadoregne – non potrebbe essere più opportuna. Tanto più perché, con il suo libro Psicologia della liberazione (Bordeaux, pp. 320, euro 18) i due curatori, Mauro Croce e Felice Di Lernia, si propongono di avviare un dibattito su un nuovo modo di fare psicologia, all’interno di quell’orizzonte della liberazione proposto 50 anni fa da Medellín a partire dalla denuncia della miseria collettiva come «ingiustizia che grida al cielo».

    SE L’INVITO dei vescovi a rileggere la realtà dal rovescio della storia si è tradotto specificamente nella teologia della liberazione, intesa come riflessione che nasce dalla prassi e si traduce in azione trasformatrice della realtà, tale ripensamento critico esce poi dall’ambito ecclesiale per investire e attraversare molti altri saperi, i quali trovano in quell’orizzonte di liberazione, come evidenzia Mauro Croce, «un collante ideale, teorico, metodologico e anche utopico»: dalla pedagogia degli oppressi di Paulo Freire al teatro dell’oppresso di Augusto Boal, fino alla filosofia della liberazione di Enrique Dussel. E, appunto, a quella psicologia della liberazione di cui Martín-Baró è unanimemente riconosciuto come il fondatore, rivolta a riscattare le moltitudini popolari dallo sfruttamento economico, dalla miseria sociale e dall’oppressione politica, contribuendo a costruire un essere umano nuovo in una società nuova.

    Un compito che il gesuita riteneva possibile, però, solo a partire da una liberazione della stessa psicologia, generalmente assai poco chiara sulla «relazione tra alienazione personale e oppressione sociale, come se la patologia delle persone fosse qualcosa di alieno alla storia e alla società o come se il senso dei disturbi del comportamento si esaurisse sul piano individuale». Per Martín Baró, al contrario, «è la struttura socio-storica quella che configura il carattere. Ovvero, ogni individuo ha il carattere che ha perché così glielo ha «assegnato» la struttura socio-storica». Proprio come «mascolinità e femminilità sono, fondamentalmente, un prodotto socioculturale, non un dato biologico». Solo una psicologia «liberata» può allora trasformarsi in un modello di intervento al servizio degli oppressi, favorendo il passaggio da un sentimento di impotenza e di rassegnazione, da un fatalismo pessimista inteso come introiezione della dominazione sociale, alla consapevolezza di poter incidere sul proprio destino, molto oltre, sottolinea Croce, quel concetto di benessere individuale dominante nell’attuale fase storica, slegato sempre più da «un’idea e una progettualità condivise» e collocato in una cornice consumista in cui non può «che risultare concorrenziale verso quello degli altri».

    SE LA PSICOLOGIA, evidenzia Martín Baró, vuole mettersi al servizio della causa di liberazione dei popoli latinoamericani non dovrà però solo riconsiderare il proprio bagaglio teorico e pratico, ma dovrà farlo partendo dal basso, dalla vita, dalle sofferenze, dalle aspirazioni e dalle lotte dei popoli oppressi, dal punto di vista dei dominati anziché da quello dei dominatori. Dove parlare di punto di vista significa che «non si tratta di pensare noi per loro, di trasmettere loro i nostri schemi o di risolvere noi i loro problemi; si tratta di pensare e teorizzare noi con loro e a partire da loro». E, cioè, provare «a pensare alla psicologia educativa dal punto di vista dell’analfabeta», «alla psicologia clinica dal punto di vista dell’emarginato» e, in particolare, «alla psicologia del lavoro dal punto di vista del disoccupato», allo scopo di valutare cosa fare «perché la sua personalità non si disintegri o perché la sua vita e persino la vita di intere comunità non trascorra senza altro orizzonte né progetto se non quello della mera sopravvivenza quotidiana». Una psicologia del senza-lavoro, di cui, come commenta Felice Di Lernia, in un contesto come quello italiano non si può non sentire la mancanza.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.