Alessandro morto a 13 anni per errori e disfunzioni: la perizia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Arrivano le conclusioni medico legali dell’autopsia eseguita sul piccolo Alessandro Farina, il tredicenne di Pellezzano decedutolo scorso 27 dicembre all’ospedale Ruggi di Salerno. Si tratta della relazione dei medici incaricati dallaProcura dove si sostiene che, purtroppo «la storia del piccolo Alessandro e la sua drammatica conclusione sono la conseguenza di una catena di errori individuali ed organizzativi».

I medici indagati sono sette. Ora sulla base della consulenza d’ufficio il pm elaborerà le proprie conclusioni circa le attribuzioni di responsabilità nei confronti dei soggetti coinvolti nell’inchiesta.

La relazione ha evidenziato che “i medici curanti del piccolo e chi ha avuto contatto con Alessandro, hanno ignorato i sintomi del diabete. Un banale esame delle urine ed un esame ematologico per la valutazione della glicemia avrebbero certamente evitato la grave DKA (chetoacidosi diabetica, ndr ) e, molto probabilmente, la morte del paziente”.

La sera del 23 dicembre scorso il giovane, dopo essersi sentito male a casa, venne trasportato dalla madre al pronto soccorso del “Ruggi”, dove il personale medico, nel referto stilato alle 23.05 (orario nel quale fu dimesso) scrisse che “il ragazzo dopo l’assunzione di tachipirina ha presentato difficoltà respiratorie edema della lingua e del labbro inferiore. Condizioni generali buone. Apiressia. Microcefalia scoliosi. Paziente vigile ed orientato. Al torace MV fisiologico. Addome piano trattabile OI nei limiti. Faringe iperemico lingua umida”.

I consulenti “ritengono – si legge testualmente su La Città – che Alessandro era affetto da diabete giovanile tipo 1 già da alcune settimane precedenti al ricovero. I sintomi del diabete sono stati ignorati dai medici del pronto soccorso del giorno 23 dicembre 2017 e nessuno ha pensato di praticare una glicemia o un esame urine. In tale data si era ancora in tempo ad evitare la grave DKA”.

E ancora: “il medico curante contattato dalla madre (dopo l’accesso al p.s.) sulla base dei sintomi riferiti avrebbe dovuto consigliare una visita ed eseguire degli esami di laboratorio. Il medico del 118 intervenuto il 25 dicembre 2017 ha, impropriamente, somministrato un bolo di insulina con grave rischio per il paziente e contro tutte le indicazioni sul trattamento del diabete”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Capre, ciucci, che abbiate x sempre sulla coscienza questo bambino!!!!
    Nel 2018 ancora ignoranza e indifferenza x una malattia che e’sempre piu’diffusa!!!!!

  2. le capre ed i ciucci sono animali buoni, non avrebbero mai fatto un errore simile. Io li chiamerei piuttosto: PEZZI DI MERDA, ASSASSINI E LI CONDANNEREI ALLA PENA DI MORTE PER IMPICCAGIONE!

  3. Licenziare, radiare dai rispettivi albi coloro(medici e infermieri) che hanno collaborato all’assistenza di questa povera creatura che sfortunata si è ritrovata ad essere assistito da gente che con la medicina non dovrebbe più avere a che a fare, se non da pazienti, e spero molto presto…

  4. ma noo, siete pazzi? mica si possono radiare questi medici? la radiazione non esiste neppure per quelli che a milano rompevano le ossa per fare esperimenti ed avere rimborsi dal ssn… Mettetevi bene in testa una cosa: la radiazione esiste solo per quelli che osano sollevare dubbi, anche parziali o minimi, sui vaccini.. e meditate..
    Uccidi un paziente, sbagli terapia, rompi ossa? tutto ok, l’Ordine (??) non vede..
    Dici che un vaccino o magari 12 sono troppi tutti assieme? sei fuori.
    Continuate a credere a questo “ordine”..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.