La politica non c’entra (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

La crisi in corso in Italia è crisi di governo, e quindi istituzionale. La politica, nel senso originario del termine, non c’entra nulla. E infatti, non a caso Platone distingue tra ciò che per lui la “politica” rappresenta e invece il ruolo e la funzione, essenziali di governo, del “politico”. A tanto, non posso qui che rimandarvi per ogni utile approfondimento. Insegnavano inoltre a scuola che la durata del ciclo economico si distingue in base a un periodo di breve/medio/lungo termine, rispettivamente e in genere semplificando, pari a circa 3-5/10-15/30-50 anni.

Oltre la lettura (strutturale) economico(ieri)-finanziaria(oggi), per un’ampia durata del secolo scorso è valsa anche una lettura (sovrastrutturale) politico-ideologica degli eventi nell’ambito dell’intero scacchiere internazionale: da una parte la Nato dall’altra il Patto di Varsavia, con relativi Paesi annessi e connessi. Una politica senz’altro divisiva, perché tale è la natura della “politica”, a leggere i classici e non solo Platone.

Chiusa questa parentesi, la crisi economico-finanziaria manifestatasi sui mercati, internazionali a partire dal 2007 negli Usa, ha generato inevitabilmente anche una crisi dei sistemi di forza o potere e quindi dei governi istituzionali; a cui la “politica” non ha saputo porre rimedio.

E questo, perché – come è stato detto a proposito delle banche statunitensi, too big to fail – il sistema economico-finanziario degli Stati e delle Comunità internazionali è stato ed è troppo grande sia per fallire sia per essere dominato dalla “politica”. L’odierna crisi di governo in Italia è un evidente e perfino classico e quindi ripetuto esempio di ciò.

Il nostro Capo dello Stato sa bene tutto questo e pertanto, nello stallo divisivo della “politica”, sarà lui stesso a fare la prima mossa, di affidare un preincarico o incarico per la formazione del nuovo governo, a un “politico” o a un “rappresentante istituzionale”, ma in ogni caso per la formazione di un nuovo organismo istituzionale in potenza capace di gestire il sistema delle forze o di potere in atto.

Un’altra breve e modestissima riflessione riguarda quindi l’assetto di tale sistema. Che diciamo “democratico” e “rappresentativo”, basato cioè sul consenso manifestato dagli elettori che hanno esercitato il proprio diritto e mandato di rappresentanza attraverso il voto dello scorso 4 marzo. In definitiva, si tratta di un consenso che si tramuta in numeri e, per la democrazia, i numeri sono essenziali.

A conti fatti, occorre quindi costruire una maggioranza di governo. Quanto al resto, giunti anche al punto in cui siamo, sembra si tratti soltanto di chiacchiere e distintivo.

Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.