Riuso beni confiscati a camorra: fondi della Regione anche a Sarno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Comune di Sarno è stato ammesso dalla Regione Campania al finanziamento per il riuso e il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla criminalità organizzata nell’ambito dell’accordo in materia di sicurezza, legalità e coesione sociale in Campania. A darne notizia il Sindaco Giuseppe Canfora e l’Assessore al Patrimonio e al Demanio, Emilia Esposito.In particolare, il progetto – finanziato per un importo di un milione e mezzo di euro – si riferisce alla realizzazione su un’area confiscata al clan Galasso in via Ingegno di un laboratorio didattico ed un ecomuseo espositivo e divulgativo dei prodotti tipici dell’Agro sarnese-nocerino e delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio.

Nel gennaio scorso, l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) ha trasmesso al Comune di Sarno il decreto di destinazione dei beni immobili e dei terreni confiscati alla camorra in via Ingegno. I beni confiscati, sono stati ufficialmente trasferiti al patrimonio indisponibile dell’Ente di Palazzo San Francesco. I cespiti, vengono consegnati nello stato di diritto e di fatto in cui si trovano, per essere destinati a finalità istituzionali e sociali.

Nei mesi scorsi, la Giunta Canfora aveva approvato lo studio di fattibilità elaborato dall’ufficio tecnico per il riutilizzo sociale degli immobili confiscati in via Ingegno. Il Comune si era candidato per essere ammesso ai finanziamenti per il recupero di un vecchio casolare appartenuto al clan Galasso previsti dal PON Legalità e POR Campania.

“Dopo due anni di incontri con la Prefettura e l’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, possiamo finalmente dire di aver raggiunto un altro importante obiettivo – spiega l’Assessore al Demanio e al Patrimonio, Emilia Esposito – . In linea con la legge sui beni confiscati, il riuso è finalizzato esclusivamente a scopi sociali. E’ intenzione del Comune di Sarno utilizzare l’area confiscata al clan Galasso destinando tale spazio a un luogo in cui coinvolgere i saperi, le persone, la loro creatività e la possibilità di contribuire al benessere collettivo.

In particolare l’area confiscata sarà destinata alla realizzazione di un punto ristoro\bar, una sala convegni sia per ospitare conferenze che iniziative sulla legalità e la sicurezza. In più è prevista la realizzazione di aule adibite a laboratori didattici e di un ecomuseo espositivo e divulgativo per la promozione dei prodotti tipici dell’Agro sarnese e delle eccellenze enogastronomiche del nostro territorio, anche attraverso la convenzione con gli istituti scolastici della zona”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.