1° maggio, monito Cisl Salerno: “Dati morti bianche calati ma non basta”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

“Il primo maggio deve essere il punto di partenza per tutti affinché mai più si muoia sui posti di lavoro”. Questo il messaggio di Gerardo Ceres, segretario generale della Cisl Salerno, alla vigilia della festa dei lavoratori che in provincia vedrà tre momenti di riflessione condivisi con Cgil e Uil. “A Nocera Inferiore, Battipaglia e Salerno vogliamo dare vita a manifestazioni di forte sensibilizzazione e responsabilità per costruire una cultura della sicurezza in ogni luogo di lavoro nel Salernitano, da promuovere attraverso controlli ed appalti verificati da parte delle istituzioni, la responsabilità delle imprese, i sindacati con i delegati nei luoghi di lavoro. I dati in provincia sono calati, con un solo morto nel primo trimestre di quest’anno, ma non basta”.

A Nocera Inferiore i lavoratori si ritroveranno per lo storico corteo, mentre un momento di riflessione serale si terra a Battipaglia, invece a Salerno ritornerà il concerto di Santa Teresa. “Dobbiamo guardare a tutti, nessuno escluso, con maggiore attenzione ai giovani, che guardano in modo diverso il mondo del lavoro e devono per primi assumersi la responsabilità e acquisire la cultura della tutela nei luoghi dove si produce. L’occasione di riflettere va sfruttata al massimo”, ha continuato Ceres. “Troppo spesso quando accadono incidenti mortali sul lavoro si parla di fatalità. Ma spesso la causa, come dimostrano le vicende giudiziarie relative a queste tragedie, resta il disinteresse e la disattenzione verso le attività lavorativa delle donne e degli uomini. Abbiamo il dovere di non lasciare per strada nessuno, anche alla luce dell’ultimo risultato elettorale per il rinnovo delle Rsu. Il voto ha confermato che siamo un sindacato non dipendente da alcun potere politico, istituzionale, economico, ideologico. Questo ci ha premiato. Per questo primo maggio posso solo augurare alla Cisl Salerno di continuare a essere una palestra di democrazia, non abbandonando mai i tavoli di concertazione e delle trattative per cercare sempre di tutelare chi muove il motore economico di questo territorio. Ecco perché il primo maggio deve essere festeggiato con la consapevolezza che la crisi si supera con la volontà di voler cambiare le cose”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.