Dossier “Noi Italia”, foto di un Paese in contraddizione (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dal dossier Istat “Noi Italia”, emerge una foto con evidenti contraddizioni, a partire dagli oltre 7 milioni di connazionali che vivono in condizioni di forte disagio economico, pari al 12% della popolazione.

Il nostro, è un Paese in forte ripresa in tanti ambiti, non ultimo la competitività delle imprese, ma che continua a viaggiare a due velocità e con un Sud – manco a dirlo – ancora in pesante ritardo e un livello di povertà crescente.

Ed è nel Mezzogiorno che si raggiungono i picchi, con Campania e Sicilia in testa, dove i poveri sono tre volte quelli del Settentrione, in cui si vive di più e meglio. Per effetto di quest’ultimo dato, l’Italia presenta una aspettativa di vita tra le più alte a livello europeo.

Sono 165 gli anziani per ogni 100 giovani. Per la formazione dei giovani spendiamo ancora troppo poco. In rapporto al PIL siamo terzultimi, insieme alla Bulgaria e comunque ci attestiamo agli ultimi posti per l’uso delle nuove tecnologie. Ciononostante, la occupazione lo scorso anno nel Paese è salita: segno di una economia in ripartenza.

Vola il made in Italy, con l’Italia primo paese in Europa per il numero di prodotti agroalimentari di qualità. Quello che preoccupa è il cosiddetto squilibrio di genere: con le donne costrette ad accontentarsi o ad accettare retribuzioni più basse, nonostante quelle di marzo – rileva sempre l’Istat – siano cresciute di un punto percentuale rispetto allo stesso mese 2017.

È evidente che tale quadro tende a complicarsi ulteriormente per la particolare situazione politico-istituzionale che stiamo attraversando. Ad ormai 2 mesi dal voto non si è ancora neppure definito il profilo del prossimo governo e regnano la incertezza ed i veti incrociati tra leader politici. Ad acuire le differenze tra Nord e Sud ci hanno pensato le urne, ma per effetto di una legge che preferisco non aggettivare.

A molti rimbalza agli occhi la immagine di uno stivale diviso fra due colori prevalenti: il blu ed il giallo. E pensare che io, ingenuamente, credevo che, da un po’ di tempo a questa parte, sventolasse invece su tutti un unico tricolore.

 

A cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.