Salerno: Fonderie Pisano, si attende la decisione del Riesame

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il lungo ponte che da 25 aprile si è protratto fino ad oggi ha dilatato i tempi del deposito dell’ordinanza con cui il Tribunale del Riesame tornerà ad esprimersi sul sequestro delle Fonderie Pisano, così come richiesto dalla Procura di Salerno e già bocciato una volta, salvo poi essere rimesso in ballo da una pronuncia della Cassazione che ha rispedito al Riesame le carte per una nuova decisione.

Dal 28 settembre scorso, quando la Suprema Corte ha annullato l’ordinanza di dissequestro delle Fonderie emessa dal tribunale del Riesame disponendo il rinvio per una nuova pronuncia, ne è passata di acqua sotto i ponti. I 110 dipendenti della fabbrica di Fratte, che sono sotto ammortizzatori sociali e lavorano per non più di due settimane al mese, sono stati prima licenziati e poi ricollocati al loro posto dai titolari dell’opificio, che nel frattempo hanno subito la revoca dell’Autorizzazione Integrata Ambientale dalla Regione poi ripristinata dai giudici amministrativi del Tar.

Una storia a colpi di ricorsi e sentenze, quella recente delle Fonderie Pisano, in cui si innestano le barricate alzate ovunque la proprietà pensi di costruire un nuovo stabilimento all’avanguardia. Gli ultimi in ordine di tempo sono i sindaci del comprensorio del Cratere, quello di Buccino su tutti, che annunciano modifiche ai piani urbanistici e alle destinazioni d’uso dei suoli nel caso di una delocalizzazione nel loro territorio.

Eppure i Pisano stanno partecipando, con tutte le carte in regola a loro dire, ad un bando che l’Asi ha emanato per quelle aree industriali, da anni in decadimento, proponendone un rilancio in termini di sviluppo ed occupazione. Nel mezzo c’è la decisione che il Riesame andrà a depositare entro questa settimana, al massimo all’inizio della prossima. E da quel momento, potrebbe esserci la sterzata decisiva, in un senso o nell’altro.

Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Che c’è da decidere? Quando lavoranol a gente soffoca e lo dimostrano le centinaia di segnalazioni e denunce depositate. Il sangue dei residenti presenta metalli pesanti riconducibili all’opificio. È agli atti che Pisano inquina aria acqua e suolo, non è adeguabile e non è mai stato a norma…di cosa stiamo parlando?!?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.