Spaccio droga centro d’accoglienza. PSI Camerota: ”Chiusura non basta”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa

È di qualche giorno fa la notizia che accostava un centro d’accoglienza per migranti sito a Palinuro (SA) ad una piazza di spaccio e prostituzione.

La notizia, balzata all’attenzione dei media, ha portato una pronta risposta della Lega (sede di Pisciotta), la quale ha proposto repentinamente la chiusura del centro d’accoglienza.

Di seguito la nota stampa del PSI Camerota relativa alla vicenda:

Ciò che è emerso dall’inchiesta è assolutamente condannabile e inaccettabile. Lo spaccio di sostanze stupefacenti e lo sfruttamento della prostituzione sono attività illegali che vanno perseguite a fini giudiziari per consegnare, sempre, alla giustizia i rei che destabilizzano gli equilibri fragili delle nostre società.

Ma dobbiamo anche contestualizzare il tutto ponendoci una domanda a monte del fatto che se c’è l’offerta c’è anche la domanda: “Chi usufruisce di questi servizi illegali? E perché?”.

Quelle principalmente coinvolte sono le fasce deboli della nostra società: minori e disoccupati che cercano spesso nell’uso di sostanze stupefacenti la possibilità di una via di fuga dai problemi che appesantiscono la quotidianità. Problemi sociali che la cattiva politica, purtroppo, concorre a creare.

Crediamo che tutta la classe politica del nostro territorio, la quale ha ben presente ciò che accade nelle nostre strade giornalmente, si debba domandare come si può intervenire per risanare queste falle culturali che attanagliano le fasce sociali più deboli, e non semplicemente recriminare.

Crediamo fermamente che la risposta ad una escalation dell’uso di sostanze stupefacenti non sta nel chiudere un centro d’accoglienza.

La classe politica, al contrario, dovrebbe interrogarsi su come, attraverso attività sociali, sportive, scolastiche ed educative, si possano sensibilizzare le nuove (e vecchie) generazioni su tematiche quali l’uso e l’abuso della droga, in modo da contrastare il fenomeno a monte e non a posteriori, facendo in questo modo calare la domanda e, quindi, contrastare l’offerta.

La domanda che è nostro compito porci è “Dove lo Stato ha fallito? Quando lo Stato ha fatto in modo che il malessere sociale prendesse il sopravvento?”; sono queste le domande che ognuno di noi, classe politica e libero cittadino, dobbiamo porci, piuttosto che imputare colpe ai soliti “capri espiatori” lavandocene le mani.

Se il reato c’è, come emerso dall’inchiesta, è giusto che chi ha commesso un reato paghi.

Ma un partito politico, piuttosto che chiedere la chiusura di un centro di accoglienza e cercare di far passare il messaggio che tutto lo spaccio che da anni colpisce il nostro basso Cilento sia da attribuire ai migranti, dovrebbe porsi le giuste domande su come intervenire direttamente sugli avventori sensibilizzandoli grazie ad attività sociali ed educative, non reprimendo.

Inoltre ci dissociamo e condanniamo l’inqualificabile termine di paragone strumentalizzato dagli esponenti della locale sede di Pisciotta della Lega, i quali non perdono occasione di fare propaganda su temi delicati socialmente come la disabilità; come si legge da una nota stampa della Lega di Pisciotta: «L’immigrazione (ahinoi!) è diventata una vera e propria industria su cui lucrare. Questo è inaccettabile! Come è inaccettabile che lo Stato spenda 280 euro al mese per un disabile, cittadino italiano, a fronte di 1.000 euro al mese per immigrato».

Una forza politica dovrebbe promuovere, nelle sedi appropriate, attività di recupero e reinserimento sociale verso i soggetti deboli e portatori di disabilità, e non utilizzarli in maniera strumentale a proprio favore.

In conclusione, il problema dell’abuso di sostanze stupefacenti c’è ed è presente da anni.

Per risolverlo abbiamo innanzitutto il dovere di dismettere i panni di politici ed evitare propaganda ipocrita, cercando, in sinergia, modalità di intervento su tematiche delicati che stanno sempre più coinvolgendo le fasce minorili e deboli delle nostre comunità.

PSI Camerota

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. Abbiamo rifugiati politici richiedenti asilo che spacciano, non basta loro dare vitto e alloggio gratis, per guadagnare svolgono attività illecite e pensa un pò……uno si chiede perché gli italiani comprano la droga?
    Faccio presente che anche nelle nazioni ricche e con uno stato sociale adeguato il consumo della droga è elevato.
    Sono di sinistra ma trovo ripugnante che difronte ad un fatto oggettivo che mette in dubbio:
    1) le politiche di accoglienza
    2) il riconoscere lo status a persone che in Italia delinquono
    Che si fá? Filosofia astratta?
    Questa sinistra miope e ortodossa deve scomparire!

  2. Quindi in caso di palpeggiamenti( in estate ci furono) o di stupro ci chiederemo perché a questa gente non vengono date opportunità sessuali?
    Perché le ragazzine italiane frequentano le spiagge in costume?
    Siamo alla follia, totalmente slegati dalla realtá 😓🙏😓

  3. Bravi, chiedetevi perché a Camerota esiste un esponente della LEGA?
    La prossima volte vi chiederete perché la Lega ha preso più voti!
    Continuate cosi, mi raccomando, non chiedetevi perché questo succede in un centro di accoglienza con maggioranza mussulmana(nei loro paesi c’e la reclusione per diversi anni per i reati relativo allo spaccio).
    Loro hanno capito bene che in Italia per loro c’è l’immunitá penale su questi reati, ma mi ricamano Voi interrogatevi sul disagio sociale dei deboli italiani …..👍

  4. meglio la lega che i cretinetti 5s. il loro capo ci ha fatto capire come sono squallidi e falsi, pur di governare son disposti a prostituirsi, peccato hanno illuso migliaia di meridionali col reddito di cittadinanza (che sapevano irrealizzabile) sono falsi, il furbo è il loro ex capo che visto il pericolo e l’ignoranza dell’attuale capo, si è defilato e forse fonderà un nuovo movimento, l’unico che è rimasto è il capo della piattaforma che fa milioni alla faccia dei ragazzini illusi e plagiati…………

  5. Stamattina 18 arresti per droga. Tutti italiani e nessun commento. Forse sono vostri amici che ora hanno perso le piazze di spaccio ?!?

  6. Per il professore e perbenista Bha :
    Fammi capire ,quindi siccome anche gli italiani delinquono e spacciano, sti extra delinquenti devono essere tollerati ed assecondati (cosa che tra l’altro già avviene)?
    Questo sembra il messaggio che vuoi trasmettere.
    Io credo che sia giusto affermare che noi italiani, popolo di idioti senza morale e dignità, già stavamo inguiati marci tra disoccupazione e delinquenza, ed il nostro inutile stato ha pensato bene di importare oltre il limite massimo tanta altra gentaglia e delinquenza.
    Vorrei essere smentito, ma le cronache locali e nazionali parlano chiaro,raccontando quotidianamente le gesta dei nostri “ospiti”

  7. per il signor BHA . VAFFANCULO CON TUTTO IL CUORE ! FORSE TU XSEI AMICO DI QUESTE MERDE CHE CI HANNO ROVINATO.

  8. Quindi dato che ci sono clan camorristici dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti dobbiamo tollerare che i richiedenti asilo esercitano tale attività?
    Siete razzisti, il vostro razzismo è insito nei vostri Dogmi ideologici, con l’evidente paradosso costituzionale …..chiunque senza distinzione di sesso razza religione delinque deve essere sanzionato anche con misure restrittive la libertà personale, nello specifico giustizia sociale vorrebbe che in carcere ci vanno i 18 arrestati e i migranti che spacciano, ma voi avete 2 pesi e due misure!

  9. Forse i 18 arrestati sono collegati alla manovalanza dei centri di accoglienza?
    Chi arriva facilmente viene reclutamento dai grossi distributori italiani, sono i miglior da utilizzare ……. non rischiano quasi nulla( un po’ di arresti domiciliari al centro di accoglienza?).
    Siamo seri, la situazione è semplice, tu arrivi ti do vitto alloggio e verifica i requisiti per ottenere lo status, al primo reato che compi ti carico su una nave(pagata dalla comunità europea) e ti rimpatrio!
    Questo é il modo per far perdere voti alla Lega, manovalanza alla Camorra, dare più sicurezza ai cittadini italiani ed ai poveri migranti perbene che arrivano in Italia!

  10. Il problema che la camorra è palesemente italiana e gli italiani sono i maggiori malviventi di questo paese ma non abbiano il coraggio di metterci contro

  11. Sono il lettore delle ore 7.28 di stamattina :
    Innanzitutto concordo con il commento delle 8.43;
    Poi mi chiedo :ma ci 6 o ci fai per provocare?
    Comunque sia, 6 un idiota che non si rende conto di come stiamo rivinati. Inoltre l’articolo narra un problema(uno dei tanti) di un centro di accoglienza per extracomunitari(uno dei tanti), quindi oltre ad aver fatto un commento insulso, è stato anche fuori luogo.
    N. B.
    Inoltre credo(questo è un mio pensiero) che tutti gli extra delinquenti si comportano male e fanno i ca..i loro grazie ai perbenisti come te, che gli hanno dato e continuano imperterriti a dar loro carta bianca.
    P. S.
    Mi sa’ caro il mio idiota che hai un tuo tornaconto 😮 gestisci qualche centro, o 6 un PDiota, o mangi di questo pane.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.