«Ho ridotto mia moglie così e lo rifarei». Dichiarazioni choc dell’ex marito di Filomena

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
«Sono stato io a ridurre mia moglie così e lo rifarei». Vittorio, ex marito di Filomena Lamberti, ha risposto così alle provocazioni di Nina Palmieri, giornalista de Le Iene che in un servizio andato in onda domenica sera ha mostrato la tragica vicenda della donna salernitana, come già anticipato su queste colonne.

La donna, vittima di violenza da parte del marito, aveva infatti rilasciato un’intervista alla trasmissione di Italia uno, che però ha provato a sentire anche il parere dell’uomo, piombando direttamente nella pescheria di cui l’uomo è titolare. A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola.

Una provocazione da parte della giornalista, che si trasforma in una cattiveria gratuita verso la donna, anche davanti alle telecamere. «Sì, io l’ho ridotta così e ben le sta, lo rifarei ancora, mi ha portato all’esasperazione, vivevo con una prostituta». L’uomo, ha scontato per il suo folle gesto soltanto 15 mesi di pena, rispetto ai 18 decisi dalla Magistratura, ma comunque pochi per un “tentato omicidio”.

Se solo “tentato omicidio” fosse stato il capo d’imputazione. Infatti Vittorio era stato condannato semplicemente per “lesioni gravi”, mentre Filomena era ancora su un lettino di ospedale al Cardarelli di Napoli. E anche su quest’aspetto, l’ex marito della donna, ha risposto tranquillamente alle domande della Palmieri: «Io ho scontato ciò che dovevo scontare, mia moglie mi ha fatto impazzire, questo gesto è stato dettato dalla stanchezza. Se io sto con una prostituta doveva aspettarselo».

Parole dure quelle dell’ex marito di Filomena, che ad oggi ha già subìto 25 interventi ma che è comunque ritornata a vivere, invece di “sopravvivere” come ha fatto per ben 38 anni pur di tutelare e crescere i suoi figli, ma continuando a subìre le violenze sia fisiche che psicologiche da quell’uomo.

L’uomo che a distanza di 6 anni continua ad essere convinto del suo folle gesto, e mostra alle telecamere de Le Iene, quasi “fiero”, le sue di cicatrici causate dallo stesso acido che quella notte ha gettato sul volto della moglie. «Anche io ne porto i segni addosso, ma non me ne frega, l’acido ce l’avevo perché lo usavamo per liberare i tubi della pescheria». Vittorio, titolare della pescheria, dove per anni ha lavorato anche Filomena, oggi dovrebbe dare un mantenimento mensile all’ex moglie, la quale però non riceve nulla.

Nel 2012, durante quel processo lampo, Vittorio non fu condannato nemmeno al risarcimento danni. E sulla questione risponde facendo “spallucce”: «Io non ho nulla, ho solo questa attività ma vivo alla giornata. Non posso dare il mantenimento a mia moglie». Il servizio de Le Iene, ma anche i fatti precedenti, delineano dunque il ritratto di un uomo che probabilmente continua ad avere un mostro dentro e che sicuramente non ha pagato come doveva.

E adesso Filomena, non ha più paura di mostrare quei segni che l’hanno cambiata anche dentro e si batte in nome di tutte le donne che subiscono, affinchè venga approvato “l’omicidio di identità” a tutela di quelle persone che sono costrette a guardarsi allo specchio e a non riconoscersi più, per colpa della cattiveria gratuita di altri.

Fonte Le Cronache

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. chiamarlo m…a è un onore per questo essere, lo chiamerò fumo di m…a, cioè niente, sei nessuno , complimenti alla giornalista.

  2. Grazie per aver riproposto questo fatto acchiacciante.
    Sapete perché vi ringrazio? Non per giudicare l’uomo che ha compiuto questo folle gesto (sicuramente non avrà qualche rotella fuori posto ), ma solo per evidenziare ancora una volta in che stato di m.rda viviamo.
    Uno stato incapace di garantire sicurezza ai cittadini pluritartassati, incapace di garantire assistenza , incapace di punire chi sbaglia, incapace di tutto.
    Oramai è solo la terra promessa per chi vuole delinquere e far niente, tutto è permesso.
    Schifo e vergogna, sto stato di m.rda è capace solo di “spremere” i cittadini e portarli all’esasperazione, economica e sociale.
    Mi vergogno di essere italiano

  3. questo nn può essere definito merda, è il fumo della merda, cioè niente….
    noto che nessuno ha il coraggio di commentare, tutti leoni da tastiera per scemenze, per cose serie, nulla….

  4. Posso dire che questa signora è una donna a tutti gli effetti una vera signora che ha un eleganza e una forza d animo degno di ammirazione e di rispetto invece il marito non vale la pena neanche nominarlo un abbraccio Filomena ti ammiro e ti stimo

  5. ma quando va a letto la sera quest’uomo…..pensera’ mai, al mostro che e’…..maledira’ mai il giorno della sua nascita? questo andava ammazzato alla nascita……

  6. per questo tipo di reato, COME PER L’AGGRESSIONE FISICA DEI BULLI O DEI MALAVITOSI in genere (casamonica ETC ETC…) DEVE ESSERE PREVISTA una detenzione lunga, lunghissima, una pena coercitiva esemplare; soprattutto quando si è in presenza non solo di una confessione , ma peggio ancora, quando si esibisce una rivendicazione del delitto compiuto. nON POSSO Nè INVOCARE PENA DI MORTE, Nè ILLUDERMI DI RECUPERARE ALCUNO. Questo tipo di “soggetti” vanno chiusi nel recinto. Punto.

  7. Ma secondo voi perchè la feccia dell’umanità viene in Italia per rubare, stuprare,uccidere,delinquere? Abbiamo leggi ridicole,troppo garantiste e inefficaci.

  8. carlo, quale sarebbe il coraggio di commentare che mancherebbe a tutti (tranne te)?? mah. E poi come vedi i commenti ci sono. Non per sminuire questo fatto o quelli simili, ma ci sono stati casi inversi, di donne che hanno sfigurato ulmini, però non se ne parla.. carlo, forse non hai il coraggio di ammetterlo? quello che non mi piace di questi servizi/articoli è l’accento sull’uomo carnefice e donna vittima, sempre e comunque. E’ una persona che delinque, punto. Basta col criminalizzare una categoria intera. Questo è un delinquente ed è giusto che si faccia i suoi anni di galera senza sconti, anche perchè non pare neppure pentito.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.