Al Cibus 2018 tra Alimentazione e Comunicazione (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
3.100 aziende alimentari; 82.000 visitatori; oltre 1.300 nuovi prodotti presentati.

Questi alcuni numeri della XIX edizione di Cibus, il Salone Internazionale dell’Alimentazione, svolto la scorsa settimana a Parma.

Poderosa la pattuglia di operatori stranieri con i quali son stati sanciti numerosi accordi commerciali. Nel corso della manifestazione, animata fra l’altro da copiose occasioni di confronto, sono emersi importanti spunti di riflessione e interrogativi.

Cosa mangeremo nel 2038? Come si caratterizzerà il packaging dei prodotti alimentari del prossimo futuro? Da quesiti come questi ha preso il via la riflessione sui consumi e sui consumatori. Bisognerà vincere i tabù per far spazio sulle tavole di domani a cibi nuovi e alternativi, dai novel Food alle meduse, dalle alghe agli insetti: già consumati da più di 2 milioni di persone.

Si consideri che il giro d’affari dell’industria food&beverage vale oltre 130 miliardi di euro e coinvolge più di 465.000 occupati nell’attività di 56.000 imprese, generando il valore aggiunto più elevato tra tutti i settori del manifatturiero italiano, pari al 72% delle altre 3A (abbigliamento, automotive e arredamento).

Nello specifico, da un’analisi del Censis emerge che sempre di più i consumatori chiedono informazione di qualità: in particolare, l’85,7% degli italiani e l’87,4% dei Millennials si informano prima di acquistare un alimento. Di questi, il 57% della popolazione (di cui il 74,2% è costituito da millennials) lo fa tramite siti web e il 35,2% (di cui il 39,9% millennials) mediante i motori di ricerca. Solo il 30,1% degli italiani prende come punto di riferimento per la propria informazione alimentare la televisione.

Si è ritenuto dunque imprescindibile perfezionare e adeguare gli strumenti attraverso cui il settore comunica con lo sterminato popolo di fruitori, puntando innanzitutto sul web.

Promosso dai giovani di Federalimentare, è nato così “Osservatorio Alimentare” – www.osservatorioalimentare.it – una piattaforma digitale dedicata all’agroalimentare del nostro Paese che ha il compito di garantire e supportare una corretta informazione basata su dati scientifici e autorevoli contributi di studiosi, nutrizionisti e qualificati addetti ai lavori.

L’osservatorio, presentato durante il Cibus, fornisce un pronto-intervento contro le fake news le quali sovente disorientano e ingannano il consumatore, oltre a provocare danni di ogni genere all’intero comparto.

In conclusione, mai come nel settore del food diventa fondamentale la giusta informazione. L’acquisto consapevole aiuta a portare in tavola prodotti utili per il nostro benessere e, al contempo, contribuisce a salvaguardare il made in Italy di qualità, che è indiscutibilmente un patrimonio comune: dall’(A)rancia  di Sicilia allo (Z)afferano d’Abruzzo.

Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.