Neonato ustionato al Ruggi: la puericultrice era al telefono?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Avrebbe lasciato un’allieva a fare il primo bagnetto ad un bimbo appena nato perchè era a telefono. Sotto accusa una puericultrice dell’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno che, secondo una prima ricostruzione di quanto accaduto nel nosocomio salernitano, non avrebbe vigilato, non rispettando l’obbligo di controllo.

A darne notizia il quotidiano Il Mattino. Le allieve infatti non possono agire da sole.

LA RICOSTRUZIONE. La giovane della scuola di puericultura, a quanto pare, avrebbe adagiato il piccolo sotto il getto della fontana e con la mano avrebbe iniziato a sciacquarlo. A causa della presenza dei guanti, che le operatrici sono obbligate a portare, non si sarebbe accorta della vera temperatura dell’acqua.

Circostanza, questa, che sarebbe confermata anche dalle scottature riportate dal neonato, che sono a chiazze e coprono solo la zona alta delle gambette e i glutei. Se il piccolo fosse stato immerso completamente nella vaschetta, come in primo momento era stato ipotizzato, le ustioni avrebbero interessato ben oltre il 20 per cento del corpicino.

Il padre del piccolo, al quotidiano La Città, dice:  «C’è molto da chiarire, anche i processi di lavoro del reparto. Mi chiedo come mai non ci siano o non siano utilizzate attrezzature per prevenire l’errore umano. Basterebbe una valvola termica per evitare che l’erogatore dell’acqua ne fornisca a temperatura troppo alta o troppo bassa e adoperare sempre un termometro come si fa a casa.

Non è pensabile affidarsi alla sola rilevazione della temperatura dell’acqua con la mano della puericultrice».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Ormai il Ruggi,tra truffatori del cartellino e sono molti,che dovrebbero licenziare in tronco e sequestrarci tutti i beni,finché non estinguono quello che anno rubato allo stato e la malasanità che regna da tempo in questo ospedale,si conosce in tutta Italia,come la Vergogna e lo squallore del sud,che Schifo,siete solo il luogo dove neanche un cerotto,ci sognano di farsi mettere!!!!

  2. Caro papà difendi tuo figlio non gli interessi di un reparto che cade a pezzi.
    La colpa è di chi nn ha controllato con il gomito o con la mano.
    Non è errore umano.
    Tua moglie doveva partorire in altra struttura.

  3. Ho partorito da poco li e devo dire che il reparto è accogliente, ma troppe mansioni sono demandate alle tirocinanti universitarie ! Che operano spesso autonomamente!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.