Salerno: la palizzata di legno alla Baia fa discutere – VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
22
Stampa
Polemiche e discussioni roventi per la palizzata di legno eretta sul confine tra la spiaggia libera e quella privata del Baia  La spiaggia della Baia è ciò che resta degli antichi stabilimenti balneari di Salerno, che si estendevano lungo la costa prima della costruzione del porto commerciale. Non passa inosservato il ‘muro’ di legno alto e robusto. Gli assi di legno dividono il lussuoso stabilimento balneare della Baia dalla spiaggia libera.

VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

22 COMMENTI

  1. E poi i perbenisti Pdioti si lamentano degli Stati che ergono muri per difendersi da invasioni(barbariche) di extracomunitari. ……per questa barricata Anti-bagnanti italiani cosa dicono?

  2. è una vergogna questo muro, oltre che brutto. Poi mi chiedo se sia esattamente tutto legale .. distanze rispettate? spazi demaniali lasciati liberi secondo legge? permessi? 5m dal bagnasciuga sono liberi e pubblici? Un muro del genere in mezzo ad una spiaggia è legale, mentre se allargo una finestra di venti cm divento un abusivista edilizio?
    14:14, hai perfettamente ragione, ma per mia conoscenza, quelli di cui parli stanno esattamente dall’altra parte della barricata, quella ricca, parlando a favore del “popolo” e contro i “ricchi”, mentre di fatto sono i primi discriminatori con la puzza sotto al naso; ne conosco decine di quel genere. W la coerenza. Pensateci alle elezioni.

  3. Trump è arrivato anche tra il confine di Vietri e salerno …..Mi sembra la stessa barriera che divide Messico e l America. …In estate a salerno tutto è permesso. ..Città europea senza barriere ma soprattutto cittadella europea del accoglienza. …Sindaco la lascia perdere i social…..auguri

  4. Una giunta che tralasciando l impatto estetico dell’ opera non coglie l attacco al senso di comunità che questa orribile Palizzata provoca ,lascia interdetti.Credo che i clienti della baia, salernitani prevalentemente,non scontassero tanto imbarazzo dalle due spiaggette libere confinanti e dai bagnanti che le popolavano.questo bisogno classista di separazione.meschino e provinciale.questa direzione della baia capisce proprio la città che la ospita…

  5. Ci manca solo il filo spinato, vergognoso. La colpa è dell’amministrazione comunale che consente ai proprietari dei lidi di erigere questi bunker. GLI stabilimenti balneari a Salerno andrebbero rasi al suolo.

  6. Gli amici pentastellati ancora non hanno alzato la voce o scritto fiumi di parole sul web….. Città abbandonata da dx a sx passando per il centro…

  7. Preferisco stare dall’altra parte della palizzata dalla parte dei poveri perchè preferisco essere invece di apparire , sapete solo mostrare quello che i soldi possono comprare facilmente siete solamente quello che avete.

  8. La concessione delle spiagge è, come al solito, una anomalia italiana e la situazione sta anche peggiorando in quanto secondo ultimi dati gli stabilimenti che nel 2001 erano 5.369, oggi sono 12mila! In talia siamo a circa 60/70 per cento delle spiagge occupate che deturpano per chilometri la costa e i litorali ostacolando con interminabili muragliate l’accesso al mare. Per non parlare degli introiti. A fronte di un giro d’affari di circa 10 miliardi l’incasso per il demanio corrisponde a poco più di un centinaio di milioni. A Salerno la situazione non è delle migliori in quanto oltre agli stabilimenti stanziali altri tratti sono fatti d’interesse stagionalmente da affitta sdraio. LE SPIAGGE DEVONO TORNARE LIBERE!!!

  9. CREDO SIA ILLEGALE, SE VOGLIONE METTERE UNA DIVISIONE LO FACCIANO MA NON OSCURARE LA VISUALE.

  10. Come sempre i beni demaniali diventano appannaggio dei privati. Le poche leggi sul demanio marittimo sono per il perpetuarsi dell’occupazione a tempo indeterminato del concessionari. Pochissimi i controlli e moltissimi gli abusi. Chi tutela veramente in Italia l’uso pubblico delle spiagge? Nessuno. Tutte le amministrazioni, anche quelle ” di sinistra”, come a Salerno, sono asservite agli interessi privati, che gestiscono senza alcuna regolamentazione di impatto ambientale gli spazi costieri di cui sono concessionari a vita. E le cosi dette spiagge “libere” sono in realtà vittime di occupazioni (abusive) di privati che impongono la presenza dei loro lettini e ombrelloni a pagamento. Il diritto di fruire gratuitamente della spiagge è fortemente ridimensionato e scoraggiato!

  11. Ecco il deluchismo a cosa può portare… mi manca l’aria solo a vedere la foto di questo scempio…

  12. ma che dici lo sanno pure le pietre. quel lato è comune SALERNO

  13. Vergogna siete voi che vi ghettizzate con quel muro “cari” frequentatori del Lido baia .. neanzhe gratis in questo lido

  14. Un muro che separa dal volgo mi pare una buona idea, dovrebbero chiedere un extra per questo.

  15. 13:30 e altri, dalle mappe che ho trovato pare che si trovi esattamente al confine tra i comuni di vietri e salerno, dopotutto il Baia è a Vietri .. ciò non elimina i dubbi espressi da tanti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.