Battipaglia: falsificavano deleghe per truffare ufficio postale, denunciati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un uomo, identificato per C.D, di 38 anni, personaggio dedito alla consumazione di truffe, ed una donna V.A., 32enne, risultata successivamente già censita nell’archivio antifrode per aver illecitamente incassato altri rimborsi, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria dai poliziotti del Commissariato di Battipaglia che, a seguito di alcuni  episodi di truffe a danno di utenti in attesa di rimborsi fiscali o bonus erogati a vario titolo, avevano intrapreso una capillare attività investigativa e di prevenzione finalizzata alla sensibilizzazione degli Uffici preposti al pagamento, dove, abitualmente i truffatori si presentavano per percepire illecitamente i mandati di pagamento, riuscendo a ricostruire, attraverso l’analisi di quanto denunciato dagli utenti il modus operandi dei truffatori.

Quest’ultimi, in particolare, intercettavano le missive inviate dall’Agenzia delle Entrate, verosimilmente con la complicità di altre persone, compilavano la delega per la riscossione a loro nome falsificando la firma del delegante ovvero il reale beneficiario del rimborso, corredandola con copia dei documenti d’identità e tessera sanitaria, sempre del beneficiario, apparentemente autentici. Quindi, si presentavano con tale documentazione presso l’Ufficio Postale e riscuotevano illecitamente le somme dei rimborsi Irpef.

I due malfattori sono stati sorpresi dagli agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Battipaglia, all’interno di un ufficio postale del centro cittadino dove stavano tentando di incassare, in delega, un rimborso Irpef anno 2016, dell’importo di euro 1184,00 a nome di un utente residente in provincia di Palermo. La presenza dei due allo sportello ha insospettito il Direttore dell’Ufficio Postale che ha chiesto l’intervento del personale di Polizia che, prontamente giunto sul posto, ha ricostruito la dinamica della truffa. Accertata la responsabilità penale di C.D. e V.A., venivano deferiti all’Autorità Giudiziaria per concorso dei reati di truffa e falso materiale.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.