L’Italia maglia nera in Europa: un giovane su quattro non studia e non lavora

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
L’Italia si conferma maglia nera in Europa per la quota di Neet, i giovani tra i 18 e 24 anni che non hanno un lavoro né sono all’interno di un percorso di studi. È quanto emerge dai nuovi dati diffusi da Eurostat, che vedono il nostro Paese primeggiare nel 2017 nella classifica europea, con una percentuale del 25,7% (era il 26% nel 2016), a fronte di una media europea del 14,3%.

Una percentuale simile si registra a Cipro, dove i Neet sono il 22,7%, seguono poi Grecia (21,4%), Croazia (20,2%), Romania (19,3%) e Bulgaria (18,6%). Un tasso Neet superiore al 15% è stato registrato anche in Spagna (17,1%), seguito da Francia (15,6%) e Slovacchia (15,3%). Al contrario, la percentuale più bassa di Neet si registra nei Paesi Bassi (5,3%), davanti a Slovenia (8%), Austria (8,1%), Lussemburgo e Svezia (entrambi a 8,2%), Repubblica Ceca (8,3 %), Malta (8,5%), Germania (8,6%) e Danimarca (9,2%). circa 1 su 5 a Cipro (22,7%), Grecia (21,4%), Croazia (20,2%) , Romania (19,3%) e Bulgaria (18,6%).

A livello Ue, nel 2017 circa 5,5 milioni di giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni (pari al 14,3%) non erano né occupati né in istruzione o formazione.

I giovani che non studiano e non lavorano in Europa

La quota di Neet sul totale della popolazione tra 18 e 24 anni. La variazione tra il 2017 e il 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Che studi a fare se poi un raccomandato con quinta elementare deve dirti cosa fare anche se sei laureato in ing nucleare?
    Che lavori a fare se prendi con tutta la laurea di cui sopra 3 euro l’ora.
    Chi dovrebbe controllare queste cose?

  2. Ma state tutti sereni che tra non molto diventeremo direttamente gli ultimi assoluti di questa graduatoria :oltre i nostri nullafacenti nostrani e Doc, abbiamo assorbito le “risorse” di Pdiota memoria. Inoltre proprio oggi leggevo un articolo nel quale si trattava la lingua italiana, che “grazie” allo sproporzionato uso di termini inglesi, oramai è diventata una mezza lingua madre.
    Morale della favola :abbiamo fatto il possibile per autorovinarci, dall’apertura delle frontiere(dalla quale è cominciato il declino), al cambio moneta, dall’inizio delle invasioni no-limits all’imbastardimento della nostra lingua, passando da matrimoni e parate gay, finendo con il permettere e perdonare tutto ai nostri figli(ritorno a casa senza orario, diritto allo sballo, diritto di premi senza averne diritto, picchiare i prof. ,ecc. ecc. ecc. ).
    Io non mi meraviglio affatto del contenuto di questo articolo, e volevo cogliere l’occasione per ringraziare chi ha distrutto il paese e noi italiani. Grazie, e grazie per il futuro che attende i nostri giovani.
    Grazie

  3. Scusate, già siamo ultimi nella graduatoria.
    Non avevo visto bene il grafico.
    Ultimi nelle graduatorie di ricchezza, cultura, sport, scuole e istruzione,ospedali e sanità pubblica,ma primi e senza rivali nelle classifiche di degrado, consumo di alcol e droga, sprechi, giovani allo sbando e propensi al fallimento nella vita, gioco d’azzardo, politica collusa con la mala e corrotta………che dire più?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.