Emergenza lavoro, in Italia cresce il popolo dei NEET (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Bruxelles conferma quanto è stato già riportato nell’ultimo rapporto annuale Istat: siamo il Paese europeo con la percentuale più alta di giovani tra i 15 e 24 anni che non studiano, né cercano un posto di lavoro.

Al netto di qualche ritocco statistico, i dati ci dicono che il 25,7% dei nostri ragazzi sembra sfiduciato per il proprio futuro. La media registrata è, comunque, la più elevata rispetto all’Unione Europea, ferma a poco più del 14%, considerato livello pre-crisi.

Una tendenza che sembrerebbe però in leggera diminuzione in tutto il continente. Comunque sia, l’Italia è ancora all’ultima posizione. Infatti, in base ai rilievi, Cipro (22,7%) Grecia (21,4%) Croazia (20,2%) e Romania (19,3%) stanno meglio di noi. Mentre la percentuale di NEET (persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione) risulta ancora più bassa in Spagna, Francia, Paesi Bassi e Austria.

I giovani europei fra i 18 ai 24 anni sono complessivamente 38 milioni e, secondo le rilevazioni svolte, il 40% di questi segue corsi di formazione; poco più del 27% lavora e quasi il 18% fa entrambe le cose. Percentuali ahimè diverse da quelle che si son registrate in Italia, dove i NEET sono più presenti al sud, con il 34,4%, rispetto al nord, che ha appena il 17% dei suoi giovani in stand by.

E’ evidente che concentrare la attenzione verso le sole politiche attive del lavoro non è risolutivo. Coloro che non cercano lavoro, in molti casi, non provano neppure a intraprendere percorsi formativi. E allora, si potrebbe forse provare ad investire di più e meglio sulle politiche educative e sui nostri sistemi d’istruzione.

Il mercato del lavoro è in continua evoluzione e richiede sempre più competenze trasversali, talvolta non prettamente legate alla didattica tradizionale. Secondo gli esperti, adeguare il sistema d’istruzione alle esigenze aiuterebbe i ragazzi a collocarsi e costruirebbe ad abbattere i dolorosi numeri dei NEET.

Combattendo la dispersione scolastica, promuovendo un sistema educativo a misura di studente e coltivando i talenti dei giovani probabilmente si aiuterebbe a far crescere e a tutelare quel modello di società che ancora mette al centro la persona e la considera la risorsa più preziosa, comunque e innanzitutto.

Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.