Interrogazione su olio tunisino, Adinolfi (M5S): “Tutelare il nostro”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Errare è umano, perseverare negli sbagli no. L’Unione Europea nel biennio 2016/17 ha concesso alla Tunisia, a causa della complessa situazione economica, la possibilità di esportare in Europa, a dazio zero, 35 mila tonnellate di olio d’oliva in più rispetto a quanto già previsto. Si sta ora valutando di estendere per altri due anni questa misura.

Questo sarebbe emerso durante l’incontro dello scorso maggio tra Junker ed il primo ministro tunisino. Si tratterebbe di una vera e propria mazzata per i produttori di olio made in Italy. Il gruppo del Movimento 5 Stelle ha presentato un’articolata interrogazione per chiarire se verrà approvata la richiesta del governo tunisino e per chiedere che sia redatta una precisa valutazione di impatto delle importazioni dalla Tunisia negli anni 2018/2019 sugli equilibri del mercato interno e le quotazioni dell’olio di oliva italiano.

“Il prezzo di un (giusto) aiuto umanitario dell’Unione europea verso la Tunisia è stato fatto pagare alle regioni più povere d’Europa (Sud Italia, Grecia, Portogallo, Spagna che vivono già difficoltà economiche strutturali proprie), rispetto a quelle più ricche – chiarisce l’Eurodeputata Isabella Adinolfi -. L’agricoltura non può essere ogni volta usata come merce di scambio per le politiche di sostegno e di vicinato verso i Paesi terzi. È stato già fatto con il Marocco per le arance, lo stiamo facendo con il sud est asiatico per il riso e il risultato lo hanno pagato i nostri agricoltori. Perseverare anche nel 2018 sarebbe diabolico”.

“Questa terribile, ma “legale”, concorrenza – continua Isabella Adinolfi – fa si che nelle tavole degli italiani arrivino prodotti coltivati in Paesi lontanissimi, che producono frutta e verdura a prezzi irrisori perché il costo della manodopera altrove oscilla da pochi centesimi a due-tre dollari l’ora. Questa concorrenza sleale è un danno per i produttori italiani, ma anche per i consumatori perché fuori dall’Europa le regole sanitarie sono molto meno stringenti e, dunque, i prodotti sono molto meno sicuri”.

Secondo le stime del Consiglio Oleicolo Internazionale, la Tunisia nel 2018 ha una disponibilità di olio di oliva più che doppia rispetto agli anni passati, con un aumento del 124% delle esportazioni rispetto al 2017, soprattutto in Spagna e Italia. Il comparto oleicolo italiano in crisi sarebbe ulteriormente penalizzato per effetto di tale massiccia importazione senza dazio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.