Salerno: Archivio di Stato acquisisce importante deposito di pergamene

Stampa
L’Archivio di Stato di Salerno ha acquisito un importante deposito di pergamene, atti privati e pubblici, e una biblioteca di manoscritti, etc. Il deposito è stato trattato dal Direttore dell’Archivio dott. Dentoni Lista e assicurato all’utenza degli studiosi, arricchendo inoltre il Fondo Archivi Privati.

Si tratta infatti di un ultimo conferimento all’Archivio Privato della famiglia del Mercato , il più importante tra i presenti nell’Archivio di Stato, che si inserisce nell’ultradecennale serie di depositi di documenti che tale famiglia ha voluto donare e che coprono un  grande arco di secoli dal ‘200 all ‘800 e riferiti  a pergamene , carte feudali , private e di opere manoscritte.

Questo ultimo conferimento è stato effettuato dal dott. Ernesto A. del Mercato , notificato dal Ministero con una stima di 435.000 euro, e molto ricco di documenti e testi relativi sia alla storia familiare  sia alla cilentana.

Oltre al fondo pergamenaceo , una cinquantina di pergamene dal ‘300 all ‘800 tra cui il codice cinquecentesco della Platea dei Reddenti di Fornelli (Cilento) e varie bolle papali,  si aggiunge un fondo di manoscritti musicali  da camera e varie opere liriche autografe di fine ‘800 , da decine di testi  e libri manoscritti concernenti letteratura, filosofia, storia tra cui una raccolta manoscritta originale del ‘200 di investiture papali a sovrani e grandi feudatari europei di quei tempi, e lettere  autografe di Pontano  , e 3 antichi manoscritti arabo, russo e cinese.

Molto interessanti le carte personali di Pier Francesco martire del 1799 a Napoli , di Enrico , Gaetano e fratelli del Mercato e del padre Francescantonio personaggi illustri del Risorgimento salernitano e dei moti cilentani  ;  a queste si aggiungono quelle  di famiglie parenti  ( Ventimiglia , Mazziotti di Celso , etc ) , di quelle amiche o in rapporti professionali  ( Filangieri , Tuttavilla di Calabritto , Caracciolo , Carafa , Pignatelli , etc ) , nonchè di teritori vari (Mongiana , Gioi , Laureana , Agropoli , Napoli , Nola , Cilento storico , etc )

Cospicuo anche il fondo beneventano consistente nelle carte Feuli, Pacca e diverse. A questi più storicamente importanti si aggiunge il fondo  delle carte geografiche del ‘700/800 tra cui rarissima la carta di Rizzi Zannoni dell’Italia Settentrionale compiuta durante l esilio dei Borboni in Sicilia non potendo completare quella del Regno occupato dai Francesi.

Si tratta di un corpus di 10 metri lineari e di 900 pezzi che arricchisce significativamente il patrimonio dell’Archivio salernitano, merito del Direttore Dentoni Lista e della liberalità del dr Ernesto A. del Mercato.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.