Cava: a Piazza Duomo raccolta firme Leggi di Iniziativa Popolare e Basta Incendi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ieri mattina dalle ore 10:00 alle ore 13:00 siamo stati nei pressi di Piazza Duomo (Cava de’ Tirreni) con il banchetto informativo e di raccolta firme per:

la petizione ‘Basta speculazioni sugli incendi dei boschi’, lanciata insieme al comitato Basta Incendi che si propone l’internalizzazione, da parte dello Stato, del servizio antincendio boschivo affinché venga cancellato il ricorso all’appalto di enti privati per l’utilizzo di mezzi aerei e personale per l’attività AIB, e che si adoperi un piano di prevenzione – che ha di certo costi meno elevati rispetto a quelli per sopperire ai gravi danni idrogeologici e ambientali conseguenziali agli incendi – una manutenzione e una cura costante dei boschi con personale pubblico non precario; per le Leggi di Iniziativa Popolare promosse dalla campagna nazionale di Potere al Popolo. Una contro il vincolo del pareggio di bilancio in Costituzione, per ridare centralità e priorità ai “diritti fondamentali delle persone”. Questa legge di iniziativa popolare ripristina il dettato originario dell’articolo 81 e il rispetto delle condizioni di esistenza per tutti che prevedono sanità, trasporti, diritto all’abitare, la salvaguardia dell’ambiente della terra e della vita, contro le devastazioni causate dalle logiche di profitto; un’altra per la “Scuola della Costituzione” pubblica, gratuita, laica, pluralista, inclusiva, promotrice di un sapere critico che non si piega alle esigenze delle imprese, che non è quella della Buona Scuola. Queste leggi ci permettono di imporre la nostra agenda al governo. Spingerlo a occuparsi di scuola e di pareggio di bilancio, o obbligarlo a negare un vero confronto su questi temi cruciali, e quindi smascherare ancora una volta la sua natura antipopolare. In tempi bui come questi siamo ancora una piccola cosa, ma siamo un punto di tenuta democratica, una visione alternativa, un presidio di civiltà. Si tratta di resistere, sì. Ma, ora più che mai, di organizzare l’offensiva.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.