Testimone Geova accettò trasfusione. Le figlie: ”Nessun ripudio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La notizia aveva lasciato sotto choc l’intera comunità di Colliano in provincia di Salerno. Ripudiata dalla famiglia per aver accettato di fare una trasfusione. Grazia Di Nicola, 48enne madre di quattro figli, è una donna che ha abbracciato la fede dei Testimoni di Geova e che era accettata e ben voluta nella sua Colliano, dove viveva fino a poco tempo fa. Qualche settimana fa su alcuni quotidiani la notizia secondo la quale le figlie per la decisione della madre di sottoporsi ad una trasfusione l’avessero ripiudata aveva fatto il giro del web. Oggi su il Messaggero la risposta delle figlie della donna che chiariscono l’accaduto puntando il dito contro il giornale:

“Siamo le tre figlie di Grazia Di Nicola. Siamo rimaste sconcertate dalle informazioni false che abbiamo letto sui giornali; tra l’altro nessun giornalista  si è degnato di contattarci per ascoltare anche la nostra versione dei fatti. La sensazione è che qualcuno aveva deciso di colpire noi personalmente e la nostra religione a prescindere da quale fosse la verità. Non vogliamo perdere tempo a correggere tutte le informazioni errate incluse nell’articolo; quello che ci preme precisare è che noi abbiamo sempre rispettato — e rispettiamo — nostra madre, a prescindere dalle decisioni che ha preso in campo religioso. Il motivo per cui non siamo più in casa con lei non ha niente a che fare con le nostre credenze religiose. Ciò che ci ha spinto a lasciare casa nostra sono stati i continui maltrattamenti psicologici e fisici a cui ci sottoponevano i nostri genitori (entrambi non Testimoni di Geova) per obbligarci ad abbandonare la nostra religione. Per ben 17 giorni siamo state vittime di insulti e percosse da parte dei nostri genitori. A un certo punto, a ottobre 2016, nostra madre è arrivata a darci un ultimatum di un mese per farci cambiare le nostre idee e portarci a “pensare come lei”. Quel giorno stesso, però, lei stessa ha mandato via di casa una di noi dopo averla picchiata fino al punto di farle perdere conoscenza. In quell’occasione questa nostra sorella è finita all’ospedale, dopodiché ha informato i carabinieri di quanto era accaduto. Noi sorelle non abbiamo mai voluto far perseguire penalmente nostra madre e nostro padre per gli abusi subiti (sono sempre i nostri genitori), ma abbiamo notato che il loro comportamento è andato via via peggiorando. Ci dispiace che stiano strumentalizzando la situazione per mettere in cattiva luce la nostra religione”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Religione? purtroppo per esperienza tristemente fatta rendete la vita impossibile a chi non la pensa come voi. Avervi in casa è una tragedia perché siete plagiate ed indottrinate. Le cose più semplici come festeggiare un compleanno sono un problema o partecipare ad un matrimonio o ad un funerale. Siete fuori dal mondo. Purtroppo mia nipote è diventata un’altra persona. sempre triste e ingabbiata. Lacerata dentro. Le mie sono le parole di dolore di una zia ma anche quelle lucide di un agnosta. Ci sono molte altre cose che mi sono state raccontate da mia nipote che è costretta a fare che per pudore non scriverò. Non giustifico le percosse mai

  2. Le percosse sono fuori dal mondo e dalla logica; parlare di questo movimento come di una religione è fuorviante. Chi interpreta la Parola a proprio uso e consumo è semplicemente un eretico.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.