Omicidio Vassallo: stavolta, forse, la svolta decisiva delle indagini

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
I filmati della sera dell’agguato ad Angelo Vassallo finirono nella caserma dei carabinieri di Castello di Cisterna. A portarli fu il carabiniere Luigi Molaro, in vacanza a Pollica, in quei giorni, insieme al tenente colonnello Fabio Cagnazzo che, all’epoca, guidava proprio a Castello di Cisterna il nucleo investigativo. Furono i due militari, qualche giorno dopo l’omicidio, a verificare se le immagini registrate dalle telecamere di un negozio di Acciaroli avessero ripreso scene utili dal punto di vista investigativo.

Se ne occuparono in maniera autonoma perchè la competenza sulle indagini era del Comando provinciale di Salerno. Quando, una decina di giorni dopo l’omicidio, Molaro viene ascoltato dai sostituti procuratori Rosa Volpe e Valleverdina Cassaniello, davanti al procuratore capo Franco Roberti, racconta di essere passato ad acquisire quelle immagini e di non averle consegnate alla Procura ma di averle portate alla società produttrice della telecamera per fare estrapolare alcune sequenze che poi trasferirà su una pendrive personale.

Una selezione di immagini che, solo dopo essere passate alla sezione rilievi di Castello di Cisterna, saranno trasferite su un cd poi consegnato in Procura una decina di giorni dopo il delitto del sindaco- pescatore, quando Molaro sarà ascoltato dagli inquirenti. Tutte le riprese archiviate, invece, resteranno negli uffici del nucleo investigativo del gruppo carabinieri di Castello di Cisterna. In quella caserma lavorava Lazzaro Cioffi ora indagato dal pm Marco Colaminici per concorso nell’omicidio di Angelo Vassallo.

La figura di Cioffi venne ripresa in esame dagli inquirenti in seguito all’inchiesta napoletana che lo ha portato in carcere perché in rapporto con uno boss del narcotraffico in provincia di Napoli. Una possibile svolta investigativa sul delitto del sindaco pescatore: secondo questa pista Vassallo sarebbe stato ucciso per il suo impegno nella lotta allo spaccio e per aver scoperto un giro di droga sulla costa cilentana.

Fonte LiraTv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.