«Andate via è razzismo» verdetto della Cassazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Espressioni come «dovete andare via», che denotano disprezzo verso gli stranieri, anche se «generiche» e senza riferimento esplicito alla razza, ma pronunciate «per manifestare pubblicamente e diffondere odio» possono comportare l’aggravante della «finalità di discriminazione razziale».

La Cassazione ha infatti confermato questo principio, con il relativo aumento di pena, nel condannare in via definitiva un 45enne di Gallarate che nel 2010, insieme ad un altro soggetto, anch’egli condannato in appello e non ricorrente, ha provocato lesioni ai danni di due bengalesi rei di essere all’esterno di un circolo.

La quinta sezione penale della Cassazione (sentenza n. 32028) sottolinea che per applicare l’aggravante dell’odio razziale è «irrilevante l’esplicita manifestazione di superiorità razziale»: l’aggravante riguarda anche chi usa espressioni generiche di disprezzo verso gli stranieri, come nel caso dell’imputato, che secondo testimoni aveva detto: «Che venite a fare qua… Dovete andare via».

L’uomo chiedeva una riduzione della pena, sostenendo che le affermazioni a lui attribuite fossero generiche. Ma – ricorda la Cassazione – l’aggravante della finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso «non ricorre solo quando l’espressione riconduca alla manifestazione di un pregiudizio nel senso dell’inferiorità di una determinata razza» ma anche quando la condotta, per come si manifesta e per il contesto, «risulta intenzionalmente diretta a rendere percepibile all’esterno e a suscitare in altri analogo sentimento di odio etnico» e a dar luogo «al concreto pericolo di comportamenti discriminatori».

Lo scrive Il Mattino oggi in edicola. Nei giorni scorsi, a Salerno, si è verificato un episodio di razzismo sul bus di linea numero 5 che collega Via Ligea con la Zona Industriale di Salerno. Un anziano ha aggredito verbalmente un cittadino tunisino impedendogli di sedergli accanto. L’anziano, ha agito tra l’indifferenza degli altri viaggiatori. Eppure il tunisino aveva l’abbonamento e tutto il diritto di accomodarsi sul bus. Alla luce della sentenza della Cassazione l’anziano, se fosse stato denunciato per razzismo, sarebbe stato condannato per le frasi offensive pronunciate contro il tunisino.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.