Medicina d’eccellenza: grande intervento eseguito al Campolongo Hospital

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Per la prima volta in Campania, presso il Campolongo Hospital di Eboli, è stato eseguito l’impianto di una protesi monocompartimentale al ginocchio. L’intervento, effettuato dal dottor Antonio Lambiase, è il primo nel suo genere in regione, e rappresenta una vera rivoluzione per quanto concerne l’impianto di protesi al ginocchio. Il vantaggio di tale intervento consiste nella sostituzione solo della parte rovinata dalla artrosi e non di tutto il ginocchio.

La protesi “Persona partial knee” che è stata impiantata dal dottor Lambiase, è quanto di meglio si possa offrire ai pazienti; si chiama “Persona” per la possibilità di personalizzazione delle taglie, un po’ come un vestito “sartoriale”. La paziente, a meno di 24 ore dall’intervento, ha camminato e flesso il ginocchio con pochissimo dolore, riacquisendo rapidissimamente la sua autonomia.

Al Campolongo Hospital la chirurgia ortopedica di eccellenza continua a essere uno dei punti di riferimento del sistema sanitario regionale e non solo. Il costante aggiornamento professionale e delle strumentazioni messe a disposizione delle equipe mediche, hanno portato negli ultimi anni al raggiungimento di risultati paragonabili a quelli ottenuti da realtà di eccellenza presenti nel nord del Paese e in Europa; basti pensare alla implantologia della protesi di spalla, per la quale la casa di cura ebolitana è un punto di riferimento non solo in Campania, ma in tutto il sud Italia.

La protesi monocompartimentale è solo uno degli interventi mini invasivi sul ginocchio che si praticano al Campolongo Hospital, e va ad affiancarsi alla chirurgia artroscopica per le ricostruzioni del legamento crociato anteriore e le suture dei menischi, che vedono la struttura di Viale della Marina di Eboli al top per quanto concerne la Campania e le regioni vicine come la Basilicata e la Calabria.

Inoltre la protesica tradizionale di anca e ginocchio è storicamente un vanto, ormai consolidato dall’esperienza e dai risultati ottenuti. Per la protesica di anca si pratica anche la via mini invasiva, in soggetti magri e giovani, senza staccare muscoli ma solo passando tra i muscoli, ciò con indubbi vantaggi in termini di ripresa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.