Criminalità: pubblicata la relazione semestrale della DIA per il salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Tra gli spunti interessanti della relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia c’è senz’altro il capitolo dedicato agli appalti pubblici. E’ qui che spesso prende forma la saldatura tra potere politico e potere economico con la criminalità organizzata. Gli uomini della Dia hanno portato alla luce numerosi tentativi di infiltrazione malavitosa nelle gare pubbliche che riguardano la realizzazione di infrastrutture e gli insediamenti strategici d’interesse nazionale ma anche opere di interesse locale.

Le imprese passate al setaccio sono quelle al lavoro su cantieri con importi oltre soglia: si tratta di 857 società e di oltre 3000 persone a loro riconducibili. In questo contesto, a novembre, la Dia ha notificato la conclusione delle indagini preliminari a 33 persone per la vicenda Porta Ovest, accusati di malversazione a danno dello Stato, indebita percezione di fondi pubblici, abuso d’ufficio, falsità ideologica, crollo di costruzioni nel cantiere per le gallerie dal Cernicchiara a Via Ligea.

Ne è conseguito un sequestro preventivo di beni per 31 milioni di euro. Senza contare la bancarotta fraudolenta scoperta in seguito al dissesto dei conti dell’Istituto Autonomo Case Popolari, con accuse formulate nei confronti di sette indagati nell’operazione Scudo.

Ma nella relazione semestrale della Dia si segnala soprattutto l’inchiesta denominata Sarastra, che vede protagonista l’ex sindaco di Scafati Pasquale Aliberti e le sue presunte contiguità con elementi del clan Loreto-Ridosso. Gli indizi portano allo scambio elettorale politico-mafioso, alla minaccia aggravata, alla violenza privata ed all’estorsione. Una vicenda che ha portato al lungo commissariamento del Comune di Scafati.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Sig. Sindaco le giuro che dove state facendo i lavori di dragaggio ho visto in apnea corposi filamenti d’olio che si diluvivano man mano verso l’arenile dove ci sono tutti i bagnanti compreso mio figlio di 1 anno di età. Realtà veritiera al 1000×1000. Questo sulla spiaggia più grande e frequentata a marina di fianco al porto. Caro sindaco evitare questi lavori a luglio e agosto significa tenere il mare sano per i bagnanti e aria poco inquinata dagli scarichi della draga e rimorchiatori a 50 metri dalla spiaggia. Che poi l’arpac fa i prelievi in orari in cui non ci sono le draghe prendete in giro solo i giornali ma non i poveri turisti che hanno investito in una vacanza per il benessere proprio e dei suoi cari. Fonte turista a Marina di Camerota

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.