L’incessante avanzata del cemento (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nel nostro Paese la superficie naturale si è ridotta di ulteriori 52 km quadra nell’ultimo anno.

Ogni due ore viene costruita un’area pari a piazza Navona; ogni secondo due metri quadrati di territorio vengono coperti con cemento e asfalto.

Il consumo di suolo è in aumento in tutta Italia, soprattutto al Nord, nelle regioni in ripresa economica. Il fenomeno è molto diffuso: in Lombardia, Veneto, Campania Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia. Il cemento invade anche aree a rischio idrogeologico e zone soggette a vincoli paesaggistici che sono quasi il 25%.

Secondo l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca che, nei giorni scorsi, ha presentato alla Camera dei Deputati il Rapporto Ispra-Snpa sul “Consumo di Suolo 2018 in Italia, si tratta per lo più di grandi opere, di infrastrutture, di edilizia di poli logistici o commerciali, quindi non necessariamente o prevalentemente di abusi, anche quando esse insistono in aree vincolate o tutelate.

Il 6% della cementificazione del 2017 è avvenuto in zone a rischio frana; il 15% in area a pericolo idrico e non sono risparmiati neppure gli ambienti protetti. Quasi 75mila ettari sono ormai impermeabilizzati, come il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, in provincia di Macerata, dove 24 ettari di territorio sono stati consumati.

I Parchi nazionali del Vesuvio, dell’Arcipelago di La Maddalena e del Circeo sono invece le aree tutelate con le maggiori percentuali di suolo divorato. I danni provocati dal fenomeno superano i due miliardi di euro.

Nel merito, il parere di Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, è molto chiaro: “C’è bisogno di una nuova legge per difendere il suolo dal consumo e dallo spreco. Vorrei che fosse introdotto anche il concetto di bilancio ecologico preventivo, rispetto alle autorizzazioni che si danno per le cosiddette cementificazioni o costruzioni”.

In Europa sono tanti gli esempi virtuosi e ci suggeriscono che dotarsi di città sostenibili consente a tutti di vivere e di abitare in armonia con la natura e l’ambiente, di avere una migliore qualità di vita, di evitare sprechi finanziari e speculazioni edilizie con le nuove costruzioni, e finanche di “rimodellare” gli edifici in disuso in nuove opportunità. Tutto ciò richiederebbe un approccio culturale ancora più coraggioso dell’ambiente, quale risorsa, e degli indispensabili spazi di vita, individuali e collettivi.

Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.