Ravello, turisti ubriachi in piazza dopo i matrimoni. L’ira del parroco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Un malcostume ormai generalizzato che sta diventando quasi una consuetudine E cosi Ravello, patria del turismo d’élite, in preda alle intemperanze e schiamazzi notturni post party nuziali. Piazza Vescovado terra di nessuno. Troppe le lamentele dagli abitanti il centro storico, finanche il parroco Don Angelo Mansi ha più volte invitato il sindaco Salvatore di Martino ad adottare le necessarie iniziative volte a contenere il fenomeno. Perché si è oramai toccato il fondo dopo l’ultimo intollerabile episodio di eccessi registrato nella notte tra sabato e domenica ai tavoli di un bar di piazza Vescovado. L’ennesima notte di baccano, tra le due e le tre del mattino, con protagonisti un gruppo di stranieri ubriachi e inarrestabili.

Ieri pomeriggio il primo cittadino è corso ai ripari convocando d’urgenza i titolari dei cinque bar della piazza, invitandoli al senso di responsabilità, ad essere i primi tutori del decoro delle basilari regole comportamentali a tutela della tranquillità che Ravello ha sempre saputo garantire. Dopo i provvedimenti attuati per lo sparo dei fuochi d’artificio e il procacciamento di clienti da parte delle attività commerciali Di Martino si trova a far fronte a questa annosa problematica. Nel settembre del 2007 destò clamore la ferma decisione dell’allora sindaco Paolo Imperato (Di Martino era vice) di proibire la somministrare bevande alcoliche durante le ore serali vietandone la vendita ed il consumo da mezzanotte presso i bar, i ristoranti e gli alberghi. Provvedimento che scatenò reazioni contrarie dell’allora opposizione. L’anno seguente lo stesso sindaco Imperato fermò sul nascere un maldestro tentativo di consentire brindisi e buffet nuziali all’interno di Villa Rufolo.

Ad alzare la voce, stavolta, è soprattutto il parroco Don Angelo Mansi. La sua canonica, di fianco al Duomo, affaccia proprio sulla piazza. «Nella notte tra domenica e lunedì sotto casa mia baccano di stranieri che non la smettevano – ci ha detto Don Angelo – Ho atteso pazientemente, per tante notti dall’inizio dell’estate, che si facessero le 2 per poter dormire, ma, come l’altra notte, si è andati oltre. Ho avvisato a più riprese le autorità pubbliche. Piazza Duomo continua ad essere, ogni notte, terra di tutti e di nessuno».

«Come il Parroco di Ravello deve affrontare la giornata con poche ore di riposo? Ora basta. In questa settimana di San Pantaleone non posso affrontare la giornata con tre ore e mezza di riposo» ha chiosato con rammarico Don Angelo.

Fonte Il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Quanto costa sposarsi a Ravello? Se non si ubriacano ma pagano solo, il parroco sta più calmo?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.