Lotito a La Città: «Bari? «Vedremo. Qual è il problema a Salerno?»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
Il quotidiano La Città oggi in edicola riporta una breve dichiarazione di Claudio Lotito dopo le voci di un suo interesse per il Bari pronto a ripartire in serie D. Il multi patron ha detto ai giornalisti de La Città:  «Vedremo. Non dico nulla. Che problemi hanno i tifosi della Salernitana? – aggiunge Lotito – La squadra la sto allestendo. Ed è competitiva».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. E’ SEMPRE PRONTO AD APPROFITTARNE . SI COMPRA LE DISGRAZIE DELLA GENTE E FINO A QUA CI PUO’ STARE , MA POI TE LO RINFACCIA PER TUTTA LA VITA. SCHIFOSO

  2. Fabiani vattene, Lotito vattene…..e chi mettiamo al loro posto? Gli imprenditori salernitani non investono nella Salernitana! Chi ci sarebbe Cairo, Ferrero? Sicuro con meno competenze degli attuali.
    Non tiriamo troppo la corda…..che si può sempre restare con le pive nel sacco.
    Le pive?
    Mi spiego meglio….non rigiriamo troppo il cetriolo che lo pigliamo …là!

  3. il Bari gli serve per espandersi dal punto di vista imprenditoriale…ha preso il Ruggi, prenderà qualche struttura ospedaliera anche in Puglia…
    il calcio è secondario…nemmeno a Roma gli interessa molto della Lazio…

  4. risiede in quei tifosi che non riescono ad aprire gli occhi e vedere che una squadra satellite è cosa eticamente turpe e contraria ai fondamentali valori dello sport. Ma a loro piace “galleggiare” in B, seguire la Juve, l’Inter, la Roma,il Milan o i Puffi in A, ripetere il mantra dei cafoni “e chi s’ha piglia” e avere forse, qualcuno, qualche piccolo vantaggio personale.

  5. mi rivolgo a tutti quei presunti portatori di mentalità ultras così detti vecchi. ci avete sfrantumato le pa…lle con le vostre chiacchiere. state solo su internet a vantarvi e citarvi da soli. fate le feste pccè it nat o 77 e vulit festeggia’ 40 anni ma siete morti dopo tre anni. altri sciem nati 88 e morti 90 che scrivono libri dicendo di festggiare 30 anni. ma 30 ann e che?????senza dignità e mentalità da internet. e come se i cucs o gli eagles festeggiassero i 50 anni. si sono sciolti e non fesyeggiano a differenza vostra. band e sciem v piac a fa l’ultras ncopp a internet. un minimo di umiltà servisse farete più bella figur. ma quali 30 e 40 anni sit muort e vi vantate di cose che non avete. libri magliette sciarpe….ma acciritv….

  6. Il problema sei tu… vattene , prenditi altre 10 società e crea un monopolio basta che te ne vai da qua…

  7. Lascia la squadra a De Luca!!!!! Con Peppe Iannicelli team manager!!!!!!

  8. Se se ne va lotito che cmq reputo un magnaccio il calcio a salerno è finito non ci sono imprenditori con i soldi disposti ad investire nel calcio

  9. C’é poco da commentare, i fatti sono eloquenti, quindi…. Intanto non credo che Lo Tito abbia fatto questo grande affare a prendere la Salernitana: i numeri dicono che la media spettatori dai tempi di Alberti é calata e continua a calare. Basti pensare che piccole città come Cesena e adesso anche il Benevento, hanno numeri di pubblico e abbonamenti superiori di gran lunga ai nostri e questo la dice lunga. É cmq non é un fatto del tutto negativo, vuol dire che siamo una città normale e a Salerno c è altro da fare oltre al calcio. Basti pensare che io facevo filone a scuola per andare a vedere gli allenamenti al Vestiti…. Fortuna che adesso i ragazzi hanno di meglio da fare! Ma torniamo a Lo Tito, c’è poco da lamentarsi, ognuno é libero di fare quello che vuole senza creare ulteriori e inutili divisioni che hanno demolito da anni il mito delle curve italiane, la Siberiano che una volta da sola valeva il biglietto (anni novanta, si intende e prima al Vestuti). I tempi sono cambiati, non siamo ne la Juve ne il Barcellona, siamo diventati normali, a Salerno come nelle altre città di provincia c’é più gente nelle ricevitorie che allo stadio, sanno i risultati del campionato australiano ma se gli chiedi cosa a fatto la Salernitana non ti rispondono… Quindi ho ti tieni Lo Tito e ti accontenti e vai a leggere sui giornali chi non si é iscritto, oppure ai voglia di presidenti come Taccone, Lombardi etc etc allora credo che staremo a parlare di altro invece di calciomercato e noi a Salerno ne abbiamo le balle piene! Qualcuno mi dirà che meglio marcire in c, se sei fortunato altrimenti torni a giocare a Bovile, che avere un presidente come Lo Tito, posso essere d’accordo, intanto a S. Cipriano a vedere la vera Salernitana, quella di Alberti eravamo in 2/300 e presi anche in giro dai pallapezzari.. Allora basta polemiche, caliamoci nella nuova realtà, senza inutili ulteriori divisioni, allo stadio ci vai o non ci vai siamo salernitani i tempi sono questi, forse un giorno o forse mai più diventeremo di nuovo quelli di una volta, come i 10000 abbonati della piccola Cesena che riparte dalla d, noi non siamo più quelli di una volta e allora basta inutili polemiche, in attesa di tempi migliori…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.