Inquinamento canale di bonifica Fosso Imperatore: chiuso scarico abusivo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Gli operatori del Consorzio di Bonifica Integrale del Comprensorio del Sarno, durante le attività di verifica e controllo in località Fosso Imperatore, hanno individuato e chiuso un nuovo scarico abusivo lungo il corso del canale di bonifica.

“L’Ente consortile, negli ultimi mesi – spiega il commissario avv. Mario Rosario D’Angelo – ha implementato le azioni di monitoraggio sui canali consortili, verificando tutti gli scarichi, anche quelli autorizzati. Il Consorzio agisce nell’interesse generale dei cittadini, come dimostra proprio la vicenda del canale Fosso Imperatore, e la nostra sensibilità per la tutela della salute pubblica ci porta ad agire con determinazione laddove si verificassero eventuali azioni di inquinamento ambientale”.

Da tempo sono state avviate attività di accertamento dello stato dei luoghi, impiegando sia agenti della Polizia Idraulica che tecnici professionisti del proprio organico, volte a verificare le condizioni di inquinamento in corrispondenza degli scarichi. Tutto ciò sia su Fosso Imperatore, che su altri canali consortili.

“Le procedure vengono avviate dall’Ente consortile a garanzia e nell’interesse pubblico dei cittadini – continua il commissario D’Angelo. Sul canale di Fosso Imperatore c’è stato un intervento che a mio avviso non è mai stato fatto negli ultimi anni.

È in corso una pulizia radicale del canale, di concerto con i sindaci dei territori di San Valentino Torio, San Marzano sul Sarno e Nocera Inferiore, coordinata sul campo dall’Ing. Gerardo Gustato e dal geom. Giancarlo Miranda, responsabile manutenzione del comprensorio basso ed allo stesso tempo, con la nostra Polizia Idraulica, che fa capo alla dott.ssa Ida Soriente, si continua con l’attività di monitoraggio e controllo sul canale. Un ringraziamento – conclude – va ai cittadini che ci segnalano anomalie, attraverso il nostro numero verde”.

Il commissario straordinario poi, si sofferma sull’aumento del 20% applicato al tributo consortile. “Molto spesso dimentichiamo che il nostro Consorzio serve un comprensorio di 36 comuni in 3 diverse provincie (Napoli, Salerno e Avellino), che si mostra spesso fragile a causa dell’inquinamento dovuto a sversamenti di rifiuti e scarichi abusivi nei canali, alle continue emergenze dovute alla fragilità idrogeologica del territorio.

Nonostante questo è un aumento molto basso, al di sotto della media di altri contributi consortili. Un contributo annuale tra l’altro e che può essere detratto nella dichiarazione dei redditi. Un costo ponderato – conclude – al fine di offrire servizi sempre maggiori e di qualità ai cittadini”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.